CATANIA – «Accogliamo con ottimismo l’impegno dell’amministrazione del Comune di Catania a considerare gli stipendi dei dipendenti una priorità». A dichiararlo sono Gaetano Agliozzo e Armando Coco, segretari generali rispettivamente di Fp Cgil Catania e Cisl Fp Catania, che ieri  hanno incontrato il vice sindaco Marco Consoli per affrontare, tra le altre, la questione della situazione economica dell’ente che, a suo dire, non corre rischi immediati.

Tra gli altri argomenti, si è discusso del Fondo efficienza servizi (Fes), la cui ripartizione, come impostata dall’ente, per Fp Cgil e Cisl Fp «costituisce una buona base per far partire il processo che permetta di dare risposte ai dipendenti comunali». «Con la diminuzione dell’organico comunale è aumentato il carico di lavoro sui dipendenti, spiegano Agliozzo e Coco, ed è quindi necessario puntare sulla produttività, migliorando i servizi ai cittadini e quelli che puntano ad assicurare il decoro e la funzionalità dell’ente, come successo durante i recenti eventi meteorologici e nella rete di accoglienza dei migranti grazie all’impegno profuso dai dipendenti».

Per i lavoratori PUC, continuano, accogliamo l’impegno dell’amministrazione a prorogarne i contratti al 31 dicembre 2015 e, nel medio termine e con l’auspicata deroga del governo nazionale, fino al mese di dicembre 2016. Ma il nostro obiettivo è di arrivare alla stabilizzazione dei lavoratori che ormai si sono inseriti nei posti chiave dell’amministrazione diventandone parte integrante».

«A proposito del funzionamento della macchina amministrativa, concludono, il vice sindaco ha confermato che nel processo di elaborazione della macrostruttura comunale sono state recepite molte delle proposte del sindacato volte a determinare un nuovo modello organizzativo della macchina amministrativa comunale, adeguato alle nuove esigenze di funzionalità e di erogazione di servizi alla cittadinanza catanese».

Scrivi