Cosentino: “Playoff? Pensiamo ai 50 punti, poi vedremo partita dopo partita”.

Nessuna tregua per il Catania di Marcolin. Dopo la vittoria contro la Ternana, rossazzurri chiamati all’impegno forse più complicato e difficile di questa particolare stagione tra i cadetti. Sarà ancora una volta il Dall’Ara di Bologna, campo che ha fatto la storia recente della società etnea dalla salvezza in extremis nel match contro il Chievo della stagione 2006/2007 all’amara retrocessione in Serie B dello scorso anno nello scontro con i felsinei che è coinciso anche con il ritorno dei rossoblu nel campionato di Serie B a determinare l’immediato futuro in casa Catania. In questo caso, lunedì sera alle 20.30, lo scontro tra le due forze che alla vigilia erano date come le principali contendenti al ritorno alla massima serie, sarà da considerare come trampolino di lancio per il conseguimento degli obiettivi. Il Bologna, protagonista di un duello all’ultimo sangue con il Vicenza di Pasquale Marino, con il Frosinone di Stellone sempre in agguato, cerca disperatamente di piazzarsi al secondo posto in classifica per approdare direttamente in Serie A, a braccetto con il Carpi; il Catania invece, rilanciatosi con le cinque vittorie consecutive, cerca la definitiva consacrazione con una ulteriore vittoria che renderebbe praticamente certa la salvezza e potrebbe ulteriormente avvicinare un piazzamento utile in zona playoff.

Il passato recente ha insegnato al Catania che esaltarsi troppo può portare a brucianti sconfitte e delusioni. Marcolin, abile nel tempo a costruire una squadra capace di inanellare una serie importante di risultati utili, sa bene che alla luce delle ultime giornate, guardando partita dopo partita, sarebbe impossibile non tentare un’impresa senza dubbio difficile ma perseguibile dal momento che quello di quest’anno è un campionato estremamente equilibrato.

Il Bologna, in casa, parte certamente con i favori del pronostico. Il Catania andrà a scontrarsi con undici giocatori sul campo, ma con un’intera città altrettanto vogliosa di un pronto ritorno tra i grandi del calcio. Il pari ottenuto dai rossoblu in terra pugliese contro il Bari di Nicola lascerà strascichi non indifferenti, date le due espulsioni (Maietta in difesa e Buchel a centrocampo) e l’ammonizione al diffidato Masina, autore tra l’altro del goal del vantaggio nell’anticipo della 37^ giornata. Al Bologna mancherà certamente anche Matuzalem, infortunatosi nei giorni scorsi. Il tecnico Lopez, espulso al San Nicola, dovrà ridisegnare l’undici da opporre a Maniero e compagni.

Al Massimino, all’andata, il risultato finale fu quello di 2-2 nell’ultima gara al Massimino con Sannino in panchina. Catania adesso chiamato alla prova del “sei”, a vincere ancora per rimanere attaccati con le unghia e con i denti ad un semplice sogno.

pablo-cosentinoAnche l’ad Cosentino non si esalta troppo dopo gli ultimi, ottimi risultati: “Playoff? “Pensiamo partita dopo partita. Lunedì abbiamo una partita importantissima contro il Bologna, prima dobbiamo arrivare a cinquanta punti con grande umiltà e basta, senza pensare ad altro. Poi vedremo e faremo i conti. L’allenatore adesso ha tutta la rosa a disposizione, abbiamo recuperato quasi tutti gli infortunati, un aspetto molto importante. Adesso avanti così, con grande umiltà, pensando di settimana in settimana”.

Scrivi