San Nullo finisce ancora nel mirino di delinquenti ed incivili che trasformano interi quartieri in pattumiere a cielo aperto dove abbandonarci di tutti, anche materiali estremamente pericolosi per la salute pubblica. L’ultimo ritrovamento effettuato dal sottoscritto Giuseppe Zingale, vice presidente delle circoscrizione di “Cibali-Trappeto Nord-San Nullo, insieme al consigliere Santo Arena e al presidente Emanuele Giacalone riguarda una montagna di eternit in avanzato stato di sfaldamento nei pressi dei cassonetti dei rifiuti in via Santa Rosa da Lima. L’amministrazione comunale con il consiglio della IV municipalità compie sforzi enormi per tenere pulito il territorio ma la costante azione di alcuni delinquenti riesce a vanificare, in pochi giorni, settimane e settimane di vigilanza del territorio e pulizia dei quartieri. Il mese scorso siamo riusciti ad eliminare, grazie all’interessamento dell’assessore D’Agata e all’intervento degli operai comunali, alcune vasche di eternit in  via Antonio D’Agata. Oggi in via Lima ci troviamo di fronte all’ennesima emergenza. Inutile dire che anche stavolta il sottoscritto Giuseppe Zingale, il presidente Emanuele Giacalone e il consigliere Santo Arena hanno immediatamente segnalato la questione agli uffici comunali e adesso si attende un intervento del comune. Pure in questo caso cogliamo l’occasione per invitare la cittadinanza a denunciare immediatamente alle forze dell’ordine chiunque noti certi incivili mentre scaricano materiali di ogni tipo sulle nostre strade. Occorre una partecipazione più attiva visto che San Nullo è già stata teatro di molte altre discariche abusive. Nella vicina via degli Ulivi per molto tempo ignoti hanno scaricato montagne di copertoni e pezzi d’automobili. Quasi a nulla è servito l’istallazione dei blocchi di cemento posti da Palazzo degli Elefanti. Non per questo, comunque, ci arrendiamo. Con l’amministrazione centrale continueremo a portare avanti quel piano di vivibilità e sicurezza che rappresenta il nostro obiettivo principale sin dal momento in cui ci siamo insediati nel consiglio di quartiere.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi