Il Catania non è più padrone del proprio destino. A 90 minuti dal termine della stagione, Monopoli e Catanzaro vincono nei rispettivi impegni e mettono i rossazzurri in una posizione davvero scomoda. Contro la Paganese un pareggio dal sapore amaro, una vera e propria sconfitta, come ha detto mister Moriero in conferenza stampa. Queste le sue parole:

“Ci è mancata la cattiveria. Avremmo dovuto essere più spavaldi, volevo qualcosa di più. Purtroppo abbiamo preso un punto che per noi equivale ad una sconfitta per quelli che sono i risultati maturati sugli altri campi. Ci sarà da soffrire. 

Non ci sono state tante occasioni per la Paganese, noi l’avevamo impostata sulle ripartenze. Speravo nella maggiore cattiveria dei miei ragazzi. Queste sono partite che possono finire in qualsiasi modo. Ma noi dovevamo rischiare di più, potevamo anche perdere ma dando di più.

I ragazzi non hanno fatto una buona partita ma non hanno giocato neanche male. Avevamo davanti un avversario che ha fatto la sua partita. In rosa abbiamo giocatori di valore che devono dare di più.

Playout? Spero di non andarci, ma dobbiamo dare battaglia fino alla fine. Stiamo facendo il nostro percordo, pensiamo a vincere sabato prossimo. Sono pronto ad affrontare qualunque difficoltà, se dovessero arrivare gli spareggi salvezza li giocheremo e daremo battaglia. 

Non voglio buttare tutto a mare, c’è da battagliare. Io ci credo. Non possiamo permetterci di rimanere in 10 in queste partite.

Siamo incavolati, è normale che sia così. Se non riesci a metterla dentro sono dolori.

Plasmati? Volevo un punto di riferimento in avanti. Anche lui deve darci di più, è normale che non ha i 90 minuti nelle gambe”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi