Catania. Si tinge di giallo la vicenda legata alla richiesta del Movimento 5 Stelle, di poter vedere pubblicati sul sito del comune i verbali delle sedute delle commissioni consigliari permanenti .
Il Movimento 5 Stelle, a fine luglio, aveva già denunciato la mancanza di chiarezza del Comune di Catania e il gruppo pentastellato all’Ars aveva reclamato ufficialmente la piena applicazione della legge sulla trasparenza.
L’operazione “Fiato sul collo” è poi continuata con la richiesta della portavoce regionale Gianina Ciancio di tutti i verbali relativi al 2015 e con l’ulteriore istanza di accesso agli atti presentata in questi giorni dai portavoce locali del M5S alla Camera e al Senato, per ottenere la pubblicazione dei verbali della commissione Bilancio nel sito del Comune.
“I verbali sono pubblici – dice la portavoce al Senato Nunzia Catalfo – e pertanto devono essere obbligatoriamente pubblicati: è inaccettabile che il Comune di Catania manchi di trasparenza in materia di atti amministrativi e sono assurde le giustificazioni date dal Presidente della Commissione Bilancio Parisi sulla mancanza di tempo per la loro approvazione”.
Ma a comparire sul sito del Comune sono solo i verbali del 2014 e quelli della quinta commissione per l’anno in corso. Grande assente all’appello, la voce relativa ai verbali riguardanti il bilancio, coincidenza decisamente strana considerando il rischio default e la voragine nelle casse comunali. Che si tratti solo di un increscioso ritardo o si tenta di celare qualcosa?.. Il Movimento 5 Stelle ha deciso di andare in fondo alla questione, avendo dalla sua anche il revisore dei conti Calogero Cittadino, che ha minacciato di rivolgersi alla Corte dei Conti di Palermo.
Nicoletta Castiglione

Scrivi