CATANIA – Nella giornata di ieri, domenica 26 aprile, è stato arrestato dal personale delle volanti, per i reati di riciclaggio e ricettazione, il rumeno Tanase Cristian (cl.1988). L’uomo è stato sorpreso in via Madonna del Divino Amore a bordo di un’autovettura rubata al cui interno erano stipati oltre 400 kg di fili di rame di provenienza furtiva.

Dopo una breve fuga il Tanase è stato raggiunto, bloccato e condotto in questura da cui è stato successivamente tradotto presso il carcere di Piazza Lanza, in attesa del giudizio per direttissima.

Poco distante, in viale Della Regione Siciliana, è stato arrestato per furto aggravato Distefano Pietro (cl. 92). Questi è stato sorpreso a rubare materiale ferroso all’interno del cortile di pertinenza del supermercato Fortè.

Dopo essere stato accompagnato in questura ed espletate le formalità di rito, per il Distefano il magistrato di turno ha disposto la sottoposizione agli arresti domiciliari.

Arrestato dagli uomini delle volanti per furto aggravato e ricettazione, il pluripregiudicato Milici Carlo (cl. 91), fermato all’interno del negozio “Mediaworld”, all’interno del Centro Commerciale “Porte di Catania”.

L’uomo, che aveva tentato il furto di un telefono cellulare, è stato scoperto e sottoposto a perquisizione personale durante la quale è stato trovato in possesso di un altro telefono cellulare che risultava essere stato rubato dal medesimo negozio qualche giorno prima.

Al termine delle formalità di rito, Milici è stato condotto presso il carcere di Piazza Lanza, in attesa del giudizio per direttissima.

 

Scrivi