CATANIA – Più sicurezza nei posti di lavoro. Comincia dall’interrogazione presentata già alcuni mesi fa, in seguito all’aggressione alla Guardi Medica di Nicolosi, all’interno del Senato cittadino di Catania, la presa di posizione da parte dei consiglieri comunali Giuseppe Catalano ed Ersilia Saverino nei confronti della vile aggressione ai danni del medico dell’ospedale Vittorio Emanuele la cui unica colpa è stata quella di far rispettare le regole e di non piegarsi alla prepotenza di certi soggetti. Senza voler entrare nel merito della questione e confidando nella Giustizia, che farà piena luce sui fatti, non possiamo far finta di nulla in merito al coinvolgimento di un operatore del 118 che, in quel momento, era fuori servizio. In particolare, il consigliere comunale Giuseppe Catalano sottolinea il suo personale rammarico perchè coinvolge un collega che si è sempre dimostrato professionale al lavoro. Oggi, però, si rischia ora di tirare in ballo un intero sistema che è totalmente estraneo a questo genere di episodi e che da vittima non può passare per carnefice. In tutti questi anni il personale del 118 ha subito aggressioni e violenze di ogni tipo perché opera spesso in contesti molto difficili e complessi dove minacce, violenze e danni ai mezzi di soccorso sono quasi all’ordine del giorno. I consiglieri Ersilia Saverino e Catalano ribadiscono che non si può cominciare un gioco al massacro dovuto ad un episodio isolato e contestualizzato. Non si deve, quindi, in nessun modo gettare fango sulla “SEUS S.C.P.A” che con grande abnegazione al dovere e innumerevoli sforzi garantire una qualità del servizio presa ad esempio in tutta Italia. Da anni il 118 impiega risorse ed energie per far capire ai cittadini l’importanza del proprio operato anche a dispetto di episodi come quello di Porto Empedocle, dove due operatori sono stati aggrediti, oppure di Catania e Giarre dove sono stati causati grossi danni alle autoambulanze. Ecco perchè la nostra interrogazione sul garantire sicurezza e controlli in questi luoghi oggi resta quanto mai attuale.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi