Filadelfo Pappalardo

Filadelfo Pappalardo

La Polizia di Catania ha arrestato a San Giovanni La Punta un paraplegico accusato di tentato omicidio aggravato, detenzione e porto illegale di arma clandestina e ricettazione.
Ieri sera la Squadra Mobile ha eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica catanese, nei confronti del pregiudicato di San Giovanni La Punta Filadelfo Pappalardo, 42enne già sottoposto al regime della detenzione domiciliare per reati in materia di armi.
Il fermo giunge al termine delle indagini sul tentato omicidio in pregiudizio del 52enne Francesco Pistone, già condannato per il reato di associazione mafiosa quale appartenente al clan Laudani, che è stato commesso la sera dello scorso 15 gennaio. Si tratta della “gambizzazione” con arma da fuoco avvenuta giovedì scorso nel centro di San Giovanni La Punta a seguito della quale i poliziotti hanno effettuato una perquisizione domiciliare presso l’abitazione del pregiudicato puntese, già individuato quale possibile autore del ferimento.
Si presumeva, infatti, che l’uomo benché affetto da una grave patologia che lo costringe alla sedia a rotelle detenesse in casa delle armi. La perquisizione, nonostante abbia dato esito negativo, ha permesso agli agenti di scovare due sacchi per la raccolta di rifiuti al cui interno si rilevava la presenza di uno scalda-collo nero tagliato in
varie parti, un paio di jeans tagliati e un cappellino nero con una scritta bianca anch’esso tagliato impregnati di un forte odore di alcool. Inoltre, memorizzata nello smartphone del soggetto c’era un immagine fotografica inviata ad un profilo “Whatsapp” il pomeriggio del 15 gennaio che lo vedeva indossare un giubbotto sportivo di color azzurro chiaro, con la parte superiore più scura, compatibile con quello indossato dall’autore del tentato omicidio.
Filadelfo Pappalardo non ha saputo fornire spiegazioni plausibili sul posto dove poteva trovarsi al momento della sparatoria e, dato che la sua abitazione si trova a breve distanza dal luogo teatro del fatto di sangue, sono state visionate le riprese di un impianto di video-sorveglianza collocato in strada. Dalle immagini registrate si notava un individuo dalla corporatura snella con un giubbotto, un paio di jeans, un cappellino e scarpe da tennis compatibili con quelle indossate da Pappalardo al momento della perquisizione, percorrere correndo la via in direzione di viale della Regione per poi ritornare, pochi minuti più tardi, con fare meno spedito.
Le attività investigative, coordinate dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, hanno permesso di acquisire un grave quadro indiziario nei confronti del pregiudicato puntese che, nell’interrogatorio di ieri, ha confessato specificando come all’origine del gesto vi fossero ragioni di carattere personale legate alla sua relazione con una donna e di come, per superare il suo handicap fisico, abbia assunto un consistente quantitativo
di morfina che gli ha consentito di deambulare fino al luogo dell’agguato ed esplodere diversi colpi di arma da fuoco verso Francesco Pistone. L’arma, una pistola calibro 7,65, detenuta illegalmente è stata recuperata e sottoposta a sequestro mentre Filadelfo Pappalardo espletate le formalità di rito è stato associato al carcere di Piazza Lanza a Catania.

A proposito dell'autore

Giornalista free lance - Educatore dell'infanzia

Comincia la sua carriera giornalistica scrivendo per il giornalino del liceo scientifico che frequenta. Entra a far parte della redazione catanese del Giornale di Sicilia, da cui non si è mai separato, nel 2005. Primo articolo ufficiale realizzato il 23 ottobre 2005 (a 19 anni ma il 31 ottobre sarebbero stati 20) per la gara di calcio di Prima categoria Calatabiano - Victoria 1-0. Dopo anni di studio e sacrifici ottiene la laurea in "Educatore dell'infanzia" nel 2013. Attualmente collabora anche con gds.it, con HercoleTv e con il mensile Il Cittadino Libero. Ama il cinema, i concerti, i viaggi e la buona musica. Ha visitato tutta la Sicilia, Malta, il Salento, Roma, Venezia, Milano, la Romagna, Firenze, Pisa, Lucca, Ascoli, Varese, Aosta, Caserta, Napoli, Perugia, Parigi, Barcellona, Basilea, Ginevra e Lugano. Lo sport in generale è la sua passione ma specialmente il calcio, la pallavolo, il basket e l'atletica leggera. Inoltre segue costantemente la cronaca nera, bianca e la politica.

Post correlati

Scrivi