Proclami, comunicazioni istituzionali e sopralluoghi per poi ,alla fine, non cambiare assolutamente nulla. E così in piazza Federico Di Svevia, nonostante le promesse dell’attuale amministrazione, tutto rimane invariato: i vasi che delimitano il corridoio pedonale restano al loro posto tra le proteste dei commercianti che si sentono presi in giro. Nonostante le dichiarazioni del Primo Cittadino a tutti i mezzi di comunicazione e alla cittadinanza gli operai comunali non hanno mosso un dito finora per rimuovere gli enormi vasi. Alcuni sono stati spostati quel tanto che basta per assicurare il passaggio dei mezzi di soccorso e alle altre auto. Una soluzione che non soddisfa praticamente nessuno e che continua a provocare disagi ad un territorio a forte vocazione commerciale che chiede servizi ed infrastrutture molti diversi da quelli, finora, “assicurati” dall’attuale amministrazione.” Come capogruppo di “Grande Catania”, voglio sottolineare come la situazione che si sta verificando in piazza Federico di Svevia rappresenti l’ennesimo flop del Sindaco Bianco. Commissioni comunali al ramo, associazioni del territorio e locali comitati cittadini, nel corso di sopralluoghi e sedute itineranti, avevano avanzato tantissime proposte all’assessore alla Viabilità D’Agata per liberare il territorio da quel corridoio pedonale che provocava una montagna di critiche e parecchie perplessità sulla sua utilità. Il risultato finale è una sistematica presa in giro alla cittadinanza che si aspettava ben altre risposte dal Sindaco. Quella di piazza Federico di Svevia rappresenta l’ennesima prova di come tra la città ed il Primo Cittadino ci sia un distacco enorme. Chiediamo quindi a Bianco precisi chiarimenti sul futuro della mobilità in tutta la zona intorno al Castello Ursino di Catania” A dichiararlo, il consigliere Giuseppe Castiglione, che in una nota alla stampa manifesta tutta la sua delusione verso un’amministrazione a suo dire troppo distante dai reali bisogni della città.

Nicoletta Castiglione

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi