CATANIA – “Nei confronti di un Geometra, dipendente comunale che, in maniera assolutamente irrituale ha reso noto le proprie dimissioni nel corso di una seduta della Commissione consiliare Lavori pubblici, l’Amministrazione ha deciso di verificare i fatti e chiedere, se ne esistono le condizioni, l’apertura di un procedimento disciplinare”.

Lo ha detto l’assessore alla Mobilità Rosario D’Agata specificando come le dimissioni, annunciate per il 12 aprile, sarebbero state “motivate con presunte ingerenze dei consulenti del Comune sulla realizzazione della pista ciclabile mentre i contrasti sono nati da una richiesta generale di aumentare la sicurezza del percorso”
“I consulenti – ha detto D’Agata -, esperti di altissimo livello che operano a titolo gratuito, non hanno fatto altro che intervenire segnalando le criticità rivelate dal progetto in sede di esecuzione e riguardanti la sicurezza. I rilievi mossi dal Geometra nelle sue dimissioni sono stati giudicati da altri tecnici esagerati e inopportuni: l’Amministrazione e i consulenti hanno infatti semplicemente indicato la necessità di accrescere la sicurezza allungando i cordoli e realizzandoli con materiali più idonei rispetto al cemento. Per tutti questi motivi si è deciso di procedere alla nomina di un nuovo direttore dei lavori e di chiedere l’apertura di un procedimento disciplinare nei confronti del Geometra per comprendere se esistano, in questa vicenda, eventuali altri profili riconducibili a resistenze o addirittura a incapacità. Va rilevato inoltre che l’Ufficio traffico urbano in altre occasioni ha messo in difficoltà il Comune di Catania e l’Amministrazione ha chiesto al direttore Pietro Belfiore di effettuare delle immediate verifiche sulla funzionalità complessiva dell’Utu. Si dovranno inoltre accertare eventuali responsabilità nella progettazione e nei vari processi amministrativi riguardanti questa vicenda”.
Il presidente Niccolò Notarbartolo ha sottolineato come la seduta della Commissione Lavori pubblici fosse stata richiesta per avere maggiori informazioni sul progetto e sulle spese “Tutte chiarite e chiaramente riferibili ad una maggiore sicurezza del percorso e alla realizzazione di parcheggi nella zona che daranno risposta alle esigenze di residenti e commercianti”.
“Quello della pista – ha concluso Notarbartolo – è dunque un progetto condivisibile e noto a tutti i colleghi anche perché inserito nel Piano triennale delle opere pubbliche”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi