CATANIA – Più sicurezza, più controlli e un potenziamento della segnaletica orizzontale e verticale nei principali incroci del territorio di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”. Il consigliere della IV circoscrizione  Erio Buceti accoglie con grande soddisfazione la nuova normativa che prevede l’inasprimento delle pene per chi uccide una persona guidando in stato di ebbrezza e per chi commette gravi violazioni al codice della strada. “È fondamentale comunque compiere un’azione decisiva di prevenzione per evitare di intervenire a tragedia già consumata. − afferma Buceti − Fino a questo momento nei quartieri di Cibali, San Nullo e San Giovanni Galermo è mancata una seria programmazione di opere strutturali legate alla mobilità ed ora, i tanti incidenti che si verificano in queste zone, rappresentano un grosso danno che pesa sulle spalle della collettività. Problemi che riguardano pure il parcheggio selvaggio e le condizioni dell’asfalto in decine di arterie della IV municipalità. Ho raccolto personalmente tante segnalazioni di cittadini che vogliono sapere quando saranno messe definitivamente in sicurezza via Don Minzoni, via Galermo, viale Tirreno, via Giuseppe Ballo, via Merlino e via Sebastiano Catania. Strade che per flusso veicolare, vivibilità e decoro rappresentano l’ago della bilanca per le speranze di migliaia di pendolari che sognano una circoscrizione più vivibile. Controlli delle forze dell’ordine e manutenzione costante figurano come un trampolino obbligatorio per il rilancio definitivo del nostro territorio. Non basta impiegare l’autovelox solo sulla circonvallazione e in via Don Minzoni. Serve un nuovo piano del traffico in gran parte della nostra circoscrizione con il problema legato alla sicurezza che si fa più evidente in arterie caratterizzate da ampie carreggiate e lunghi rettilinei: una manovra sbagliata, l’invasione della corsia opposta per evitare la code, l’alta velocità, il mancato rispetto del codice stradale ed ecco che la tragedia si verifica puntuale”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi