CATANIA − L’ulteriore intensificazione dei servizi di controllo del territorio, disposta dal Questore di Catania dr. Marcello Cardona, continua in maniera incessante sia nel centro storico sia nei quartieri periferici, al fine di contrastare ogni fenomeno di diffusa illegalità, grazie alla quale ieri personale delle Volanti ha arrestato il pregiudicato catanese Raineri Antonino Carmelo (classe 1983) colto in flagranza per rapina.
Nello specifico, alle ore 20.20 di ieri agenti delle volanti, durante gli accurati servizi di controllo finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati e in particolare delle rapine presso gli esercizi commerciali prossimi alla chiusura giornaliera, momento in cui le casse sono più piene di denaro, transitando in via Androne notavano che all’interno del supermercato ” Simply “, era in corso una rapina ad opera di un individuo armato di pistola, travisato da casco e da fascia scalda-collo posta a mo’ di passamontagna e che il complice, posizionato all’esterno a bordo di ciclomotore in attesa, accortosi della pattuglia fuggiva a bordo del mezzo. Gli agenti, data immediatamente nota radio per allo scopo di creare l’opportuno coordinamento con altre pattuglie e per le ricerche del fuggitivo, si posizionavano all’esterno del supermercato, attendendo che il malvivente si avvicinasse all’uscita, per evitare di mettere in pericolo l’incolumità degli astanti all’interno, quindi con mossa fulminea entravano all’interno riuscendo a disarmare e bloccare l’individuo, impedendogli ogni reazione. Il malvivente veniva identificato per il citato Raineri Antonino Carmelo, all’interno della tasca dei pantaloni venivano recuperati 335 euro, che lo stesso sotto la minaccia dell’arma si era fatto consegnare dalle casse, e si appurava che annoverava precedenti per rapina e in atto era sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno.
Alla luce di quanto sopra il Raineri veniva tratto in arresto per rapina aggravata e su disposizione del P.M. di turno veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Piazza Lanza.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi