Catania. Si è congedato alla grande, com’è nel suo stile. Così il Pop Up Market ha regalato l’ultimo appuntamento dell’anno ai suoi tantissimi visitatori, ospitato nella deliziosa cornice del Borghetto Europa. Ormai trend culturale, imbevuto di squisita mondanità, la manifestazione commerciale più glamour di Catania ha accompagnato per tutto l’anno i molti affezionati che seguono tappa dopo tappa tutti gli appuntamenti dell’evento, attirando a se un’enorme quantità di nuovi visitatori. Un Pop Up Market dalle mille sfumature, diverso e più ricco ad ogni incontro, che immancabilmente ha dedicato l’ultimo appuntamento dell’anno al tema Natalizio. Un vortice di colori e sapori dolcemente “Holiday’s Stlyle”, che hanno regalato al Borghetto l’atmosfera natalizia più radical chic della città. E questo è uno di quegli appuntamenti che ci piace, e che segnamo gioiosamente nell’agenda, perchè al di là della connotazione  puramente commerciale dell’evento, c’è una componente sociale di grande valenza. Una fucina di idee che permettere a giovani creativi d’invistere sulle proprie risorse, sul proprio talento. e in un momento storico delicato come il nostro, senza far della spicciola retorica è confortante sapere che si può ancora aver voglia di credere ai proprio sogni, generando speranze e successi. E’ dunque una Catania meno provinciale e più cosmopolita quella del Pop Up Market, che si affaccia su mode e tendenze di respiro internazionale, come la “Fish Terapy” realizzata da un gruppo di ragazzi che nel loro salone di bellezza hanno riposto il desiderio di stupire la loro terra. L’anima del Pop Up Market, Sarah Spampinato, fiera come una mamma con i propri figli, si dice soddisfatta dei risultati ottenuti nell’ultimo anno, specchio benevolo e meritevole, degli sforzi e dei sacrifici profusi da chi nel Pop Up market ci crede davvero. Salutato il 2015 quindi, appuntamento a Gennaio 2016, per aprire nei giorni 23-24 l’anno nuovo con gran classe, tema dell’evento… FAIR AFFAIRS….

Nicoletta Castiglione

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi