CATANIA – Omicidio a Catania al culmine di una lite in un bar tra pregiudicati. L’ipotetico regolamento di conti ha causato un morto e l’arresto dell’omicida. 

Ieri sera intorno alle 23:30 all’interno del “chiosco-bar” di via Playa 40, un locale frequentato da numerosi malviventi che abitano nel confinante quartiere di San Cristoforo, i due pregiudicati Filippo L’Abbate 54enne di Gravina e Angelo Di Bella 53enne di Catania per un banale alterco hanno iniziato a litigare verbalmente quando all’improvviso si è registrata una violenta escalation che ha visto uno dei due estrarre un coltello a serramanico e colpire l’avversario al petto per ben quattro volte

1797397_10200137902765736_2960782578407543036_n

10696193_10200137903445753_9205705078209929141_n

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Piazza Dante, di passaggio in quella zona per indagini, sono intervenuti immediatamente disarmando ed arrestando Filippo L’Abbate. La vittima invece, trasportata d’urgenza al pronto soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania, è deceduta poco dopo, quando era già scattata la mezzanotte. L’Autorità giudiziaria ha disposto l’esame autoptico per chiarire le cause esatte del decesso mentre l’uomo arrestato è stato tradotto nel carcere di Piazza Lanza a Catania.

 

Scrivi