CATANIA – A distanza di poco più di due mesi cambio della guardia al Consiglio di amministrazione Pubbliservizi spa, l’ammiraglia delle società partecipate della ex Provincia regionale di Catania, adesso Città metropolitana. Sono stati nominati dal commissario straordinario Paola Gargano, i funzionari dell’Ente Angelo Carbone e Salvatore Vicari, che si avvicendano ai dimissionari Angelo Castorina e Chantal Colombrita.
Il nome di Vicari circolava già da tempo nei corridoi, sembra su precisa espressione di una componente politica che sostiene il governatore Crocetta, che nei mesi scorsi aveva indicato in Adolfo Maria Messina il nuovo presidente, indicazione ratificata, di fatto, dal commissario. La designazione di Carbone, invece, sarebbe avvenuta dopo qualche passo indietro di possibili candidati, forse preoccupati dalla non rosea situazione amministrativa della Pubbliservizi.
Nelle settimane scorse il presidente Adolfo Maria Messina, aveva preannunciato il rinnovo del Cda con l’arrivo di “due dirigenti di alto profilo”. Salvatore Vicari è un funzionario in servizio all’Ufficio contratti, Angelo Carbone un funzionario addetto al Cerimoniale nell’Ufficio di presidenza.
“Mi pare sia stata una buona scelta”, il commento lapidario del presidente Messina, che a pochi settimane dal suo insediamento aveva denunciato ostruzionismi burocratici da parte di dirigenti vicini all’area politica che ha precedentemente gestito Pubbliservizi (Firrarello-Castiglione), il conflitto d’interesse tra alcuni dirigenti della ex Provincia che erano controllori e controllati e una allegra gestione che potrebbe aver provocare un “buco” milionario in bilancio. I due dipendenti della Città metropolitana di Catania non percepiranno alcun compenso e dovranno svolgere le loro funzioni fuori dall’orario di lavoro.

 

D.L.P.

 

Scrivi