Catania. Ci sono battaglie che hanno bisogno d’essere combattute e vinte. A dispetto degli ostacoli burocratici e amminstrativi. Lo sa bene il consigliere di Articolo 4 , Giuseppe Musumeci, che ormai da tempo porta avanti un progetto civico di grande valenza sociale, un progetto che mira alls realizzazione di un regolamento comunale attraverso il quale isituire la figura di un garante dei diritti dei disabili.

Presentata la delibera si attendono ora i risvolti concreti : ” Già nei mesi scorsi avevo presentato una mozione- spiega Musumeci- ma non c’è stato seguito e quindi ho deciso di predisporre un regolamento e presentarlo personalmente all’amministrazione affinchè possa essere votato direttamente al consiglio” .

“Spero che si porti in consiglio in tempi celeri – prosegue l’esponente di Articolo 4 – perché il garante è una figura fondamentale per spingere il Comune a intervenire sull’abbattimento delle barriere architettoniche e sull’accessibilità da parte dei disabili a tutti i luoghi pubblici raccogliendo inoltre idee e proposte utili per migliorare la qualità della vita”.

Un passo decisivo e importante che contrinuirà al superamento di quelle barriere purtroppo non solo architettoniche, che veicolano duramente la vita del disabile. Questa figura, prevista dalla Regione, è presente già a Palermo, e verrà selezionata attraverso una scelta operata dal consiglio sulla base di una rosa di nomi raccolta da un bando di evidenza pubblica che scremi le migliori figure ed eviti conflitti d’interesse.

” E’ davvero importante portare subito a termine questa iniziativa- conclude Musumeci- perchè al di là della tutela dei diritti innegabili e già esistenti dei disabili, il garante rivestirà un ruolo multifunzionale: dovrà infatti esser la voce di quei bisogni che di volta in volta andranno sviluppandosi del contesto civico in cui è inserito il disabile, permettendogli dunque di valicare quella soglia di disagi spesso latenti che ceramente non gli facilitano la vita.”

Nicoletta Castiglione

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi