di Lilia Scozzaro

Il  Link per il video ufficiale

http://youtu.be/Io_CQlhupko

Sono tanti i video  che si condividono su Facebook, questo ha un significato importante, e’ una raccolta fondi. L’iniziativa e’ di un cantautore catanese, Paolo Antonio. Paolo, ha arrangiato una delle sue canzoni, realizzando anche un videoclip virale,  l’ obiettivo e’ che possa raggiungere tutti. Il ricavato delle vendite del brano sara’ devoluto all’ associazione antiracket Addiopizzo.

“ Piacere Salvatore “,   una canzone contro il pizzo. La liberta’ dei Siciliani   in un video ironico e piacevole, ma una realta’ complessa. L’investimento di un imprenditore, Salvatore, che pensa di iniziare un’attivita nella sua focosa Terra, scontrandosi con una condizione  sociale difficile.  Burocrazia e richiesta pizzo. Salvatore decide di denunciare, andando  controcorrente e liberandosi  dal pizzo,  nel video viene ironicamente rappresentato con un pizzetto attaccato sul mento, tagliato via da un simpatico carabiniere-barbiere.

salvatoretagliailpizzo_

“Con questo video voglio incoraggiare tutti gli imprenditori, che si trovano in questa situazione, a denunciare immediatamente – spiega Paolo Antonio.

 

 

 

 

La vivacità del brano – che è un vero tormentone – serve proprio a sdrammatizzare la richiesta del pizzo, per far passare il messaggio, che denunciare è possibile. Inoltre – aggiunge – vorrei dare un aiuto concreto a chi ogni giorno è in prima linea nella lotta al racket, così ho avuto l’idea di lanciare una raccolta fondi e di chiamarla proprio “Salvatore taglia il pizzo”. Un video autoprodotto, realizzato senza il sostegno di sponsor né di etichette discografiche. I  personaggi sono tutti da lui  interpretati, indossando  i panni di Salvatore, e poi anche del mafioso, in un spiritoso gioco delle parti. “Diversi travestimenti che vogliono mostrare una Sicilia fatta di siciliani un po’ vittime e un po’ carnefici di se stessi – continua l’autore – dove tutti hanno qualche responsabilità”.

La regia è dei Fratelli Bruno e Fabrizio Urso. L’arrangiamento è di Carlo Longo, con la collaborazione di Salvo Dub.

Il brano Piacere Salvatore è in vendita su iTunes, Google Play e nei principali store digitali a 0,99€. Tutto il ricavato andrà ai comitati Addiopizzo di Palermo, Catania e Messina.

Ecco i commenti dei rappresentanti delle associazioni antiracket “Esistono diversi modi per affrontare i problemi socio-culturali di questa terra, e Paolo Antonio ha scelto di farlo a partire dai piccoli ma importanti gesti quotidiani, indispensabili per raggiungere risultati duraturi nel tempo. Ha scelto di affrontare l’argomento del fenomeno estorsivo con la serenità e la positività di chi sa che oggi denunciare è possibile. L’ha fatto a partire da ciò che ama, la musica, dedicando la sua canzone ad un imprenditore che sceglie di dire NO al racket mafioso, e dedicandola in fondo a ciascuno degli imprenditori pizzo free”.

“Abbiamo accolto con piacere e soddisfazione la sua proposta di devolvere a noi i proventi derivanti dalle vendite della canzone, perché indice di stima del nostro lavoro di volontari. Acquistando “Piacere Salvatore” ciascuno di noi ha la possibilità di contribuire al lavoro quotidiano, sul territorio, delle nostre associazioni che, seppur in autonomia, lavorano con la stessa passione e serietà per lo stesso obiettivo: l’affermazione di una cultura della legalità e della libertà che passi da gesti semplici, ma concreti”.

L’iniziativa ha ricevuto il sostegno di siciliani noti come Salvo La Rosa, Giuseppe Castiglia, Lello Analfino dei Tinturia, Matteo Amantia, Antonio Perdichizzi di Confindustria e molti altri che si impegneranno ad acquistare il brano e a condividere il videoclip nella propria pagina Facebook. Anche le principali emittenti radiofoniche daranno il loro aiuto inserendo Piacere Salvatore nella programmazione quotidiana.

L.S.

Scrivi