CATANIA – Pace fatta (almeno per il momento) tra Confcommercio e amministrazione comunale. Lo conferma una nota inviata da Palazzo degli Elefanti, una vera e propria “lettera aperta” ai commercianti che riportiamo integralmente:

“Apprezziamo il riconoscimento del direttivo dell’Ascom-Confcommercio di Catania dell’attività del sindaco e dell’Amministrazione da lui guidata che, come emerso dai dati presentati proprio oggi, hanno consentito alla nostra città, tra le altre cose, di giungere in cima alla classifica dell’accoglienza turistica nelle città metropolitane italiane, amplificando la reputazione di Catania, diventata sempre più attrattiva. E aumentando di fatto le occasioni e le possibilità per il tutto il settore del commercio.

Gli obiettivi di sviluppo e di crescita sono comuni all’Amministrazione e a Confcommercio. E con il mondo produttivo lavoriamo sempre con impegno.  Anche noi siamo convinti che le contrapposizioni e i toni accesi non facciano il bene della città, occorre che tutti abbiamo un approccio più costruttivo, senza pregiudizi né in positivo né negativo.

Dovere delle associazioni è far sentire la voce delle categorie che rappresentano, dovere dell’Amministrazione è far sì che nessuna voce prevalga sulle altre.

Facciamo nostra, dunque, l’idea, peraltro da sempre auspicata, di un Osservatorio sul Commercio con tutto il settore, coordinato dall’amministrazione comunale, che abbia un ordine del giorno preciso da stabilire congiuntamente, superando il metodo che ha portato in passato a delle incomprensioni. Dialogare significa mettere tutte le questioni sul tappeto, discuterne lealmente e alla fine prendere una decisione che vada incontro agli interessi complessivi della città. Siamo convinti che facendo squadra Catania possa essere rilanciata”.

Scrivi