Vie piene di buche ed avvallamenti con strade dove, traffico permettendo, si sfreccia a tutta velocità e dove non vengono rispettati nemmeno i pedoni o la segnaletica orizzontale e verticale. I quartieri di Cibali, Trappeto Nord e San Nullo finiscono sistematicamente nel caos con l’incidente, anche mortale, che può avvenire in ogni momento e dove nemmeno la presenza dell’autovelox e di una scuola nelle vicinanze basta a garantire una mobilità sicura. Come consigliere della IV municipalità,  Erio Buceti chiede all’amministrazione e agli uffici competenti di studiare un piano di lavoro dettagliato sulle arterie più pericolose del nostro territorio. Da via Casagrandi a via Sabato Martelli Castaldi, da via Don Minzoni a via San Luca Evangelista, dal viale Tirreno fino a via Galermo (senza dimenticare via Giuseppe Ballo, via Merlino e via Sebastiano Catania) serve una programmazione specifica per impedire altri incidenti, scongiurare il rischio caos e limitare al minimo i disagi per i pendolari. Controlli delle forze dell’ordine, manutenzione costante e tanto senso civico rappresentano un trampolino obbligatorio per migliorare la mobilità soprattutto nel quartiere di Cibali. Giovedì pomeriggio il Catania ospiterà il Messina in una partita delicatissima che attirerà decine di migliaia di spettatori. Il rischio è quello di trovarsi le strade intorno alla stadio invase dalle macchine con i residenti costretti a restarsene tappati in casa per oltre 2 ore. A questo va aggiunto anche il nuovo sistema di illuminazione che rende molte nostre strade visibili solo per pochi metri. Il resto della corsie, invece, rimangono quasi completamente al buio. Capitolo a parte spetta ai continui furti di caditoie: soprattutto in via Sabato Martelli Castaldi l’automobilista che non si accorge delle buche rischia di danneggiare seriamente la propria vettura. Qualcuna è stata segnalata con il nastro di pericolo da cantiere ma ovviamente occorre che il comune provveda a ripristinare i chiusini mancanti. Per ora le uniche soluzioni possibili per migliorare la viabilità e assicurare il rispetto del codice stradale è quella di istallare nei lungi rettilinei con una forte pendenza come via Don Minzoni, via Sebastiano Catania e via Casagrandi delle cunette. Strutture meno pericolose dei dossi ma molto efficaci per ridurre il rischio dell’alta velocità.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi