Zammataro:”Ingiusto fare pagare chi parcheggia per 10 minuti quanto chi lascia l’auto per 5 o 6 ore” .

CATANIA – “Riteniamo che la scelta del Comune di Catania di estendere le strisce blu anche durante le ore notturne sia palesemente illegittima nel prevedere un’ unica tariffa (2,00 euro) indifferentemente dal tempo effettivo di parcheggio, oltre che particolarmente lesiva per le attività commerciali del Centro Storico”. Lo afferma il presidente regionale dell’associazione dei consumatori Codici -centro per i diritti dei cManfredi Zammataroittadini- Manfredi Zammataro, a proposito della decisione dell’amministrazione comunale di Catania di autorizzare l’utilizzo di piazza Carlo Alberto e di alcune vie del centro cittadino per delimitare gli stalli di sosta notturna di autovetture indipendentemente dall’effettiva durata del parcheggio .
“Hanno ragione i tanti cittadini che stanno protestando –ha aggiunto Zammataro- perché è assurdo e contrario a qualunque criterio di proporzionalità, che una macchina che stazioni 10 minuti debba pagare quanto un’altra che invece viene lasciata per cinque o sei ore. A parte i disservizi e le contraddizioni, insite all’organizzazione di un servizio di cui non si comprende l’effettiva utilità”.
Per tale ragione lo stesso Zammataro a nome di Codici – centro per i diritti dei cittadini – ha preannunciato la presentazione di un ricorso all’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) affinché intervenga per impedire il protrarsi di tale comportamento evidentemente ingiusto e lesivo per i cittadini e gli operatori commerciali del centro storico.
Quanti vogliono avere ulteriori informazioni su tale iniziativa possono mettersi in contatto con l’associazione telefonando al numero 329.0027005 o scrivendo una mail a codici.catania@codici.org
Il Centro per i Diritti del Cittadino fa inoltre sapere che l’associazione aderirà all’iniziativa di protesta promossa da alcuni cittadini contro le strisce blu notturne.

Scrivi