CIBALI (CT) – Finalmente la potatura degli alberi in piazza Bonadies può dirsi quasi completamente conclusa. Un intervento di manutenzione straordinaria reso possibile grazie alla profonda sinergia sviluppatasi tra la municipalità di “Borgo-Sanzio”, quella di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”, la commissione all’Ambiente e l’amministrazione comunale. Un’operazione che ha permesso, finalmente, di rendere più vivibile una delle principali piazze del quartiere. In qualità di vice presidente della IV municipalità il sottoscritto Giuseppe Zingale, insieme al presidente Giacalone e al consigliere Arena, ringrazia per la collaborazione il collega della III circoscrizione Rapisarda e l’assessore al ramo D’Agata. Portati a termine questi interventi strutturali l’attenzione del nostro consiglio di quartiere si concentra ora sulla riqualificazione dell’arredo urbano della piazza, sullo sviluppo del vicino lavatoio e sulla casbah cifalota. Il cuore dello storico quartiere necessita, infatti, di un completo restyling perché quello che più preme ai residenti della zona sono gli interventi di ristrutturazione duraturi e definitivi. Lavori radicali richiesti per anni e che ora vanno portati assolutamente a termine. Finora ci sono state solo piccole “opere tampone” che non hanno cambiato la sostanza: l’arredo urbano in molti punti va riparato e quando piova l’intera zona si allaga. A questo va aggiunto l’apertura del lavatoio di Cibali a tutti i catanesi. Per anni, infatti, questo impianto è stato accessibile solo per pochi, selezionati eventi. Finite le mostre e le gite scolastiche i cancelli tornano a chiudersi. Oggi è solo un bagno per piccioni e gatti con la conseguenze che necessitano altri lavori di ristrutturazione. Un programma di recupero da estendere alla casbah cifalota attraverso l’apertura di negozi e botteghe in quelle case che oggi sono solo discariche a cielo aperto.


-- SCARICA IL PDF DI: Catania, tagliati i rami secchi in piazza Bonadies a Cibali --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata