Con il girone d’andata ormai in archivio dopo il pareggio di Andria di sabato scorso, per il Catania è tempo di rimboccarsi le maniche e pensare ai prossimi impegni e al futuro. La salvezza non è stata ancora perseguita, i playoff non sono un traguardo impossibile da raggiungere… Insomma, sarà un girone di ritorno da vivere di giornata in giornata. La squadra allenata da Pancaro dovrà dimostrare già quest’anno, indipendentemente dal piazzamento finale in classifica, di possedere le qualità tecniche e caratteriali per puntare in alto nei prossimi anni. In questo senso occhio anche al mercato, con la dirigenza etnea che sta operando per migliorare in competitività la rosa a disposizione del tecnico ex Juve Stabia. A commentare per Sicilia Journal le vicende del Catania, come sempre, mister Turi Distefano:

“Contro la Fidelis Andria ho visto un Catania impacciato nel primo tempo ma più spigliato nella ripresa. Non era facile andare a vincere sul campo di una delle migliori squadre del torneo, credo quindi che possiamo tranquillamente parlare di un punto guadagnato dai rossazzurri. La squadra ha lavorato molto anche nel periodo natalizio al fine di migliorare la condizione fisica dei calciatori e poter provare a giocare un girone di ritorno importante quest’anno. Obiettivo? Sempre la salvezza. Più avanti, guardando la classifica, verificheremo se questo gruppo può già ambire ad un piazzamento in zona playoff. Capiremo chi siamo, in ottica del prossimo anno. Inutile però illudersi già adesso, secondo me è difficilissimo fare l’impresa nel campionato in corso perchè avanti ci sono tante squadre agguerrite. In ogni caso il Catania dovrà sempre scendere in campo per vincere, già contro il Monopoli potrebbe essere l’opportunità giusta per partire con il piede giusto davanti ai tifosi rossazzurri.

Sul mercato la società sta lavorando bene. Di Cecco è un centrocampista importante per la categoria, un ragazzo che porta qualità e carisma essendo un trentaduenne con grande esperienza. Anche Pessina, che ancora non è stato ufficializzato, mi sembra un ottimo profilo per il Catania. Forse ci serve ancora un regista visto che in questo momento Musacci non sta rendendo al massimo, di sicuro io prenderei un attaccante di peso. Liverani? Davvero un bravo portiere, non mi spiego il motivo per cui non abbia giocato tutte le partite.

Un girone d’andata complessivamente positivo a mio modo di vedere. C’è stato un calo nella seconda parte, ma credo fosse prevedibile. La stagione è cominciata con una serie di handicap non indifferenti, non dimentichiamolo.

Sulla proprietà? Credo sia meglio dimenticarci per adesso questa vicenda per poi riprenderla in estate. Forse sarebbe meglio, qualora delle trattative venissero avviate, che queste si facessero in silenzio, per non destabilizzare la squadra che ogni settimana scende in campo. Secondo me i tempi per un ipotetico cambio di mano saranno molto lunghi, inutile sperare che qualcosa cambi dall’oggi al domani”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi