Catania impegnato questo pomeriggio nel confronto con il Catanzaro. Sfida che al Massimino manca da dieci lunghissimi anni. Nel 2005 infatti, si giocò l’ultima sfida tra rossazzurri e giallorossi, finita 3-0 con reti di Spinesi (doppietta) e Mascara. Il tecnico degli etnei, Pippo Pancaro, ha annunciato importanti novità nella formazione titolare rispetto al match col Cosenza di mercoledì. Ci si aspetta una gara simile a quella contro i rossoblu: Catania votato all’attacco, alla ricerca dei tre punti. Catanzaro arroccato in difesa e pronto a pungere per sbancare il vecchio Cibali.

Mister Turi Distefano ci dice la sua sul momento del Catania e sulla gara contro gli uomini di D’Urso:

“Peccato per il pareggio con il Cosenza. I rossazzurri hanno giocato una partita gagliarda, offensiva e di grande intensità, ma non sono riusciti a concretizzare il loro predominio. Personalmente, da addetto ai lavori, sono più contento quando vedo in campo il bel gioco e sotto questo punto di vista non si può che essere soddisfatti di questo Catania. Però la verità incontrovertibile è che nel calcio conta più il risultato finale rispetto alla prestazione, ragion per cui contro il Catanzaro spero intanto che si vinca. Paradossalmente a Matera e Monopoli si sono vinte partite non giocate ai livelli di quella di mercoledì. Si sa, nel calcio contano anche gli episodi e il tasso tecnico superiore rispetto alle avversarie potrà spesso fare la differenza. Fondamentale però rimanere sempre umili e con i piedi per terra: obiettivo salvezza.

Una squadra equilibrata che segue il suo allenatore: è questa l’impressione che ho avuto in queste prime cinque giornate di campionato. Un organico valido e sostanzialmente completo quello del Catania. Sono colpito in particolare da Nunzella e Russotto. Quest’ultimo per caratteristiche mi ricorda Insigne. Davvero bravo, sono certo potrà fare la fortuna di questa squadra. Plasmati? Giusto che Pancaro lo inserisca a poco a poco se la sua condizione fisica non è ancora delle migliori, ma a partita in corso già adesso potrebbe essere un calciatore decisivo secondo me”.

Scrivi