Siamo contenti che finalmente sia stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale la nuova rete ospedaliera, ma ciò di cui c’è urgente bisogno, affinché gli ospedali possano lavorare bene ed essere operativi al 100%, è la nomina dei direttori generali in quei nosocomi della provincia etnea in cui essi ancora mancano: solo così si può programmare un lavoro che possa mettere in atto pienamente il nuovo sistema sanitario e possa garantire efficienza e qualità alle decine di centinaia di pazienti che ogni giorno usufruiscono delle prestazioni erogate dagli ospedali e uno stimolo maggiore agli operatori che svolgono la loro attività”. A dichiararlo è il segretario provinciale della UIL F.P.L. Stefano Passarello.

“Osservando il nuovo sistema sanitario, siamo felici di notare che non sono stati tagliati posti letto: tuttavia alla sanità catanese manca ancora la neuroriabilitazione, così come manca nel centro storico della città il dipartimento emergenza-urgenza di primo livello, mentre la rete della terapie intensive va integrata con la rete del dolore”.

Insomma secondo la UIL F.P.L., nonostante qualche passo in avanti sia stato compiuto occorre, adesso più che mai, mettere la parola fine “a questa telenovela dei direttori generali, nomine in balia di una politica che poco pensa ai cittadini e troppo agli interessi personali. Noi della UIL F.P.L. non ci stiamo – conclude Stefano Passarello – ed è per questo che vigileremo affinché pazienti e lavoratori degli ospedali siano il vero punto di interesse di chi ci governa”.

Scrivi