Catania. Sono moltissime ogni anno le commemorazioni fatte per ricordare uno dei più grandi esempi di lotta alla mafia. E anche nel corso di questo 19 Luglio le celebrazioni si sono susseguite numerose e cariche di umanità, coerenti con lo spirito dell’iniziativa. La città dell’elefante non è stata da meno, rendendo omaggio, come da 23 anni a questa parte, al giudice ucciso brutalmente dalla mafia insieme alla sua scorta.
Si è svolto ieri davanti al tribunale di Catania l’incontro organizzato dal movimento Avanguardia, un’incontro dalla doppia valenza, che ha voluto omaggiare la memoria dei martiri della lotto alla mafia, prendendo spunto da un tema così forte e sentito nella nostra terra per creare un momento di confronto, per far si che quelle idee, protette a costo della vita, da Paolo Borsellino e dalla sua scorta, possano camminare ancora, e ancora sulle gambe di tutti i cittadini.
“Ricordare Borsellino sarebbe inutile se si limitasse a una mera commemorazione formale – ha aggiunto Giuseppe Amato, coordinatore comunale di Avanguardia a Catania – mentre ricordarlo davvero assumerebbe un significato nobile, rifiutando, come egli stesso disse, ogni tipo di illegalità, favore ed altro. E’ sempre più difficile, vista la crisi sociale, politica ed economica affermare questi valori – ha concluso Amato – ed è proprio per questo che oggi vogliamo mandare un segnale di speranza a questa terra che ha ancora bisogno di tanti sforzi per migliorare”
Infine Luca Sangiorgio, vicecoordinatore comunale di Forza Italia: “Esserci in queste manifestazioni è sempre motivo di orgoglio per ricordare alla cittadinanza quanto sia importante mantenere vivo il ricordo di icone della lotta alla mafia che hanno sacrificato la propria vita per un’idea di legalità cui tutti ogni giorno dovremmo ispirarci”.
Ma Catania non si è fermata qui. In piazza Borgo è stata piantata una pianta di ulivo, simbolo di speranza e di pace, per testimoniare il ricordo senza tempo, simboleggiando lo sviluppo di quello spirito forte e giusto, che ha fatto del giudice Borsellino un eroe senza tempo.
A voler fortemente realizzare questa iniziativa, il consigliere Orazio Grasso, che attraverso questo gesto commemorativo, ha voluto lanciare un messaggio di ripresa e riscatto nel cuore di una zona catanese fortemente danneggiata da vandali e teppisti.

Nicoletta Castiglione

Scrivi