CATANIA – Ieri anche Catania ha voluto ricordare le vittime delle foibe e le drammatiche vicende degli esuli istriani e dalmata-giuliani. Lo ha fatto con la consueta “Fiaccolata del Ricordo” che, partita alle 18:30 da via Etnea altezza incrocio con Via Umberto, si è conclusa in Piazza Università.

“Non possiamo dimenticare né le atrocità né il silenzio che per decenni hanno colpito i nostri fratelli e le nostre sorelle di Istria, Fiume e Dalmazia – dichiara Simone Granata- Ecco perché oggi, più che mai, è necessario ricordare i martiri delle foibe e l’esodo di chi è stato costretto a lasciare la propria terra, la propria casa ed i propri affetti. Il nostro impegno mosso dalla fiamma di una memoria con radici profonde non inizia e non si ferma al 10 febbraio, ma è presente tutti i giorni dell’anno per mezzo di iniziative, conferenze, mostre ed incontri affinché si tramandi nel tempo una storia troppo spesso messa da parte”.

“Eravamo in tanti – dice il Presidente del Comitato 10 Febbraio Catania Luigi Provini – e credo sia stato un bel pomeriggio caratterizzato da molti momenti emozionanti. Grazie di vero cuore a chi ha risposto presente al nostro invito. Ai catanesi che hanno voluto dedicare del loro tempo alla commemorazione dei martiri italiani e a tutte le associazioni e i partiti intervenuti. Ringrazio Azione Universitaria, Avanguardia, Spazio Libero Cervantes, Assalto Studentesco, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Forza Nuova e le ragazze di Donne In Azione. Un ringraziamento va anche all’on. Salvo Pogliese, europarlamentare di FI, che ha partecipato al corteo, e alle forze dell’ordine che hanno garantito il corretto svolgimento della manifestazione.”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi