Le segreterie territoriali di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu organizzano per domani, venerdì 5 giugno, dalle 19 alle 22, in piazza Teatro Massimo, la manifestazione “Una luce per la Scuola“, una fiaccolata che si svolgerà in contemporanea con tutte le piazze d’Italia. La serata sarà l’occasione per proporre un’idea di scuola come comunità educante con interventi dal palco, rappresentazioni musicali e creative. La manifestazione si inserisce nelle iniziative organizzate a livello territoriale e nelle scuole per un’azione costante di informazione e coinvolgimento dei cittadini sulle ragioni e sugli obiettivi della mobilitazione.

“Portiamo in piazza la vera buona scuola – dicono Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu – quella che le lavoratrici e i lavoratori, gli studenti e le studentesse, i genitori, fanno vivere tutti i giorni tra le mille difficoltà e nonostante i pesanti attacchi che la scuola pubblica ha subito in questi anni. Sul disegno di legge della scuola la partita è ancora aperta, il passaggio della legge al Senato deve vederci ancora più impegnati per respingere gli obiettivi di smantellamento della scuola da parte del governo”. A tal fine le segreterie di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu proclamano lo sciopero della prima ora di servizio per tutti gli scrutini in ciascuna delle prime due giornate di svolgimento delle operazioni, le cui date sono individuate in relazione al calendario adottato da ogni singola istituzione scolastica, con esclusione delle classi terminali dei cicli di studio. Lo sciopero del personale docente coinvolto nelle operazioni di scrutinio avverrà nel pieno rispetto delle disposizioni di legge e contrattuali, salvaguardando le legittime aspettative di studenti e famiglie. Per il personale docente della scuola dell’infanzia, il personale educativo e il personale ATA lo sciopero si effettuerà nella prima ora di servizio (e nell’ultima, in caso di turno pomeridiano) delle giornate individuate per la scuola in cui presta servizio.

Scrivi