CATANIA – Si è svolto stamane, nei locali della direzione generale dell’azienda ospedaliera Cannizzaro, l’incontro tra il manager Angelo Pellicanò e le organizzazioni sindacali che rappresentano i lavoratori impiegati dalle imprese che gestiscono i servizi ausiliari ospedalieri.

 Una riunione, quella odierna, più volte sollecitata soprattutto dalla Ugl sanità che già da alcune settimane ha espresso profonda preoccupazione per i termini di gara attraverso i quali si sta procedendo con il nuovo bando d’appalto.

Motivo dell’inquietudine dei dipendenti, che dallo scorso 6 maggio si trovano in stato di agitazione, è la mancata specifica della tipologia di contratto che dovrà essere applicata nonché il ribasso applicato sulla paga base oraria, come ricorda Carmelo Urzì segretario della federazione di settore che questa mattina ha partecipato al tavolo di confronto: “Ringraziamo il direttore per aver accolto la nostra richiesta ed ascoltato il nostro punto di vista in relazione ad una questione che interessa circa 300 lavoratori.

Finalmente abbiamo avuto la possibilità di esprimere tutte le perplessità in merito ad un bando di gara che ci sembra ancora poco chiaro in quanto mette a repentaglio le battaglie, spesso anche aspre, che abbiamo dovuto affrontare già diversi anni addietro per ottenere quella che oggi è la dignità ed il rispetto della qualifica per ogni singolo operatore.

Nonostante le rassicurazioni e le promesse di Pellicanò, abbiamo deciso di mantenere lo stato di agitazione – conclude Urzì – fin quando le parole non diventeranno fatti e verrà garantita la salvaguardia delle norme contrattuali ed economiche attualmente godute dagli stessi lavoratori.”

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi