Catania. Da più di un mese, i lampioni della parte sud del viale Tirreno a Trappeto Nord sono del tutto spenti e la visibilità lungo la strada è assolutamente inesistente, con conseguente aumento degli incidenti stradali e dei disagi per abitanti e commercianti. Il motivo di questo ennesimo disservizio è da imputare al “consueto” furto dei cavi di rame . Il consigliere Erio Buceti aveva quindi chiesto urgentemente al sindaco Bianco di attivarsi in tutti i modi affinchè il problema venga risolto in modo definitivo. Ripristinare semplicemente i cavi di rame rubati sul viale Tirreno avrebbe infatti la sola conseguenza di far ritornare i ladri. Criminali sempre alla continua ricerca di materiali ferrosi da rivendere al mercato nero. Occorrerebbe, dunque, un’azione sinergica con le forze dell’ordine che devono presidiare il territorio e scongiurare il rischio di altri furti. Da tempo il territorio si è mobilitato sulla questione e, attraverso una raccolta firme, aveva chiesto quei servizi e quelle infrastrutture necessarie ad una normale vita civile. Ma fino ad oggi non si è mossa una foglia. A mali estremi estremi rimedi quindi, ed è così che la comunità ha deciso di correre ai ripari con uun atto simbolico che in barba al silenzio amministrativo, vuol essere un segnale forte e “ illuminante”.
Domani infatti attraverso l’iniziativa promossa dal consigliere Erio Buceti alcuni volontari e residenti della zona, con candele, telefoni cellulari e torce illumineranno simbolicamente la strada, nel quartiere di Trappeto Nord. Un metodo “fai da te” per ridar luce ad una zona che sembra esser stata dimenticata dall’amministrazione, e che non sa più come farsi ascoltare. Che sia la volta buona?
Nicoletta Castiglione

Scrivi