Dall’analisi dei dati statistici relativi all’ultimo trimestre  (gennaio 2015marzo 2015), malgrado il grave momento di crisi che affligge il nostro Paese ed in particolare le aree del Centro-sud, si rileva solo un impercettibile aumento dei reati contro il patrimonio (in particolare dei furti)  mentre, di contro, si registra un  più che apprezzabile decremento dei reati contro la persona, con particolare riferimento agli omicidi per mano di mafia.

Invero, rileva un importante dato statistico, cioè quello della complessiva diminuzione  dei reati consumati che, da 5429 (primo semestre 2014) sono scesi a 5205 nel secondo semestre del 2014.

Tale decremento generale, confermato anche nei primi tre mesi del 2015, denota una  crescita del trend sicurezza nella provincia di Catania, facendo ragionevolmente dedurre che tali risultati siano il frutto di un rinnovato e rafforzato impegno anche da parte del personale della Polizia di Stato che in tutte le sue componenti e specialità, è riuscito comunque ad assicurare, ancor prima che reprimere, un costante presidio sul territorio attraverso una forte azione di prevenzione.

Nello specifico, i reati contro il patrimonio, vera piaga di questo comprensorio, se è vero che da un lato hanno subito un leggero incremento pari al 4% è altrettanto vero che c’è stata una parallela crescita dell’azione di contrasto pari al 17%.

Particolarmente incisiva è stata l’azione di Prevenzione espletata attraverso l’adozione di numerosi provvedimenti questorili. Si allude, in particolare, a quei provvedimenti maturati nel trimestre gennaio/marzo 2015, consistenti negli Avvisi orali (tot. 91), Fogli di via obbligatori (tot. 27), Proposte di sorveglianza speciale (tot. 23), DASPO (tot. 12).

Nell’ambito dei provvedimenti afferenti le violenze consumate nella dimensione domestica, sono stati irrogati  11 Ammonimenti, con ben 2 proposte (come misura accessoria) di sospensione della patente di guida di altrettanti stalkers ed un corposo sequestro cautelare di armi comuni da sparo.

In tema di Misure di Prevenzione patrimoniali, sono state depositate ben 2 proposte di sequestro riguardanti ingenti cespiti patrimoniali.

Per una esaustiva visione della dimensione dell’impegno profuso giornalmente dal personale della Polizia di Stato nell’area metropolitana catanese, basta soffermarsi sul quantitativo generale delle persone sottoposte a Sorveglianza Speciale, cioè ben 1729. 

 

 

Solo nel mese di marzo sono scese su strada più di 1200 pattuglie solo per l’attività di controllo del territorio cui si aggiungono quelle degli Uffici della Squadra Mobile e della Digos

 

  1. ATTIVITA’ PROVVEDIMENTALE

 

1) ARMI

Nel solo mese di marzo, le licenze rilasciate sono state ben 65, licenze che, come noto, abilitano alla detenzione di un numero considerevole di armi comuni da sparo, sia lunghe che corte.

A fronte dei rilasci, tuttavia, significativo anche il numero (18, per la precisone) delle domande tra quelle già denegate o revocate e quelle in corso di rigetto.

Nel prospetto sono indicate tutte le competenze, anche in materia di esplosivi, che il T.U.L.P.S. attribuisce al Questore e che attestano quanto sia ampia la materia a cui il settore è preposto.

PROSPETTO 1

Acquisizione di atti 194
Informazioni Porto d’armi difesa personale 6
Porto d’armi rilasciati 65
Avvii di procedimento 12
Decreti di rigetto 6
Nulla osta acquisto esplosivi 3
Licenze esplosivi 1
Licenze Armerie 5
Corrispondenza altri Uffici 233
Spedizioni armi 12
Nulla osta al rilascio 18
Proposte D.D.A. 4
Ricorsi T.A.R. o U.T.G. 2

  

 

 2) PASSAPORTI

Anche nel settore dei passaporti l’attività è stata molto impegnativa, nonostante marzo non si possa considerare un mese tra i più significativi dal punto di vista del viaggio.

Come emerge dalla sinossi, i passaporti rilasciati sono quasi 1000 e tutte le altre voci, trascritte nel prospetto, riguardano le autorizzazioni concesse dall’Ufficio agli altri enti preposti al rilascio di titoli validi per l’espatrio (ad esempio, le carte d’identità).

Il dato, a parere di chi scrive, non va correlato solo alla vocazione turistica della popolazione residente, ma altresì alla migrazione verso altri Paesi volta alla ricerca di lavoro.

PROSPETTO 2

Passaporti rilasciati 826
Variazioni di residenza 1
Decreti 28
Nulla osta 111
Comunicazioni carte d’identità valide espatrio 65
Totale 1031

 

 

 

 

3) ESERCIZI PUBBLICI

Nella Regione Siciliana, le attribuzioni amministrative, già previste nel testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, non sono state trasferite agli Enti locali, come è accaduto, a cominciare dalla fine degli anni ’70, nelle Regioni a statuto ordinario, e sono rimaste di competenza del Questore.

Il dato che emerge dalla sinossi è molto significativo ed è conseguente ai controlli che sono stati svolti sugli esercizi pubblici e di cui si dirà in seguito.

Ben 6 sono stati i locali chiusi ai sensi dell’art.100 TULPS perché frequentati da pregiudicati, 4 le discoteche abusive diffidate a cessare, e, in materia di giochi, ben 14 provvedimenti afflittivi, tra revoche, rigetti, sospensioni e cessazioni.

Sul fronte dei provvedimenti autorizzativi, è opportuno sottolineare che l’istruttoria svolta di routine, che conduce al rilascio della licenza, è particolarmente accurata, in quanto il settore dei giochi e scommesse rappresenta oggi una delle poche realtà economiche floride e redditizie dell’intero territorio nazionale.

 

PROSPETTO 3

PROVVEDIMENTI AFFLITTIVI   NR PROVVEDIMENTI POSITIVI NR
DECRETI SOSPENSIONE EX ART. 100 T.U.L.P.S. 6 LICENZE GIOCHI (Sala giochi- VLT- Noleggio Installazione) 13
DECRETI CESSAZIONE ATTIVITA’ ABUSIVA TRATTENIMENTI 4 LICENZE SCOMMESSE SPORTIVE (Negozi – Corner) 12
DECRETI DINIEGO SPETTACOLI 5 LICENZE SPETTACOLI/TRATTENIMENTI DANZANTI 6
DECRETI DINIEGO SALA GIOCHI 6 LICENZE OGGETTI PREZIOSI 5
DECRETI REVOCA LICENZA SALA GIOCHI 1 NULLA OSTA VOLO DA DIPORTO 1
DECRETI SOSPENSIONE LICENZA SALA GIOCHI 1
DECRETI RIGETTO SCOMMESSE SPORTIVE 2
DECRETI CESSAZIONE ATTIVITA’ ABUSIVA SCOMMESSE SPORTIVE 4
TOTALE 29 TOTALE 37

 

  1. B) ATTIVITA’ DI CONTROLLO

Le sinossi sono state distinte al fine di rendere più comprensibile l’impegno della Squadra Amministrativa in questa vastissima materia (la Squadra non svolge controlli solo nelle materie di competenza della Questura, ma su tutta l’intera area amministrativa).

Nella prima emerge che la violazione riscontrata nel corso del controllo amministrativo, comporta, per chi trasgredisce, un ingente danno economico. Insomma, la ratio della legge sembra essere quella di dissuadere dalla violazione attraverso il deterrente della sanzione pecuniaria.

Solo nel mese di marzo, come emerge dal prospetto riepilogativo, sono state elevate contravvenzioni per un totale di quasi 40 mila euro, somma, che, non è inutile ricordare, confluisce nelle casse erariali.

Nel secondo prospetto emergono, le due diverse finalità di controllo che in questo mese si sono volute privilegiare: l’una che riguarda l’occupazione del suolo pubblico, cui ricorre, in maniera indiscriminata e abusiva, gran parte degli esercizi commerciali della città, con grave dispregio del decoro urbano e con forti disagi per i pedoni, spesso famiglie con bambini, (e rischio per la loro incolumità), che non possono fruire dei marciapiedi a loro riservati.

Il controllo degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, dei bar, insomma, non si limita alla verifica descritta ma è un controllo a tutto tondo: mira, altresì, alla verifica dell’installazione delle cosiddette “macchinette da gioco” e degli avventori e quindi riguarda importanti profili d’ordine e sicurezza pubblica.

Dal prospetto emerge altresì che sono continuati i controlli ai c.d. “compro oro”, controlli rivolti, altresì, a prevenire il fenomeno della ricettazione degli oggetti preziosi.

PROSPETTO RIEPILOGATIVO  

 

CONTRAVVENZIONI DEPENALIZZATE                                                       N° 31

Per un totale di                                                                                                     Euro 36.000,00

 

CONTRAVVENZIONI al C. d. S                                                                         N° 09

Per un totale di                                                                                                     Euro 1.521,00

 

PERSONE DEFERITE ALL’A.G                                                                       N° 02

 

SEQUESTRI APPARECCHI ELETTRONICI DA GIOCO                             N° 10

 

PROSPETTO

ATTIVITA’ ESITO
Bar + Tabacchi

Sito a Catania, Via A. Diaz 14/D

Contravvenzionato per occupazione abusiva suolo pubblico
Bar “Castello”

Sito a Catania in Via Leucatia nr. 95-97

Contravvenzionato:

  • Mancanza SCIA per il Bar
  • Occupazione abusiva suolo pubblico
Esercizio di vicinao

Sito a Catania, Via Auteri nr. 8

Contravvenzionato per vendita di alcolici dopo la mezzanotte
Chiosco Bar

Sito a Catania in Via lo Jacono angolo Via Leucatia

Deferito AG per abusivismo edilizio e invasione di suolo pubblico

Contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico

Bar + Corner sportivo

Sito a Catania in Via Monti nr. 6

Contravvenzionato per installazione di apparecchio elettronico da gioco non conforme che nella circostanza è stato sottoposto a sequestro amministrativo
Bar “Arena”

Sito a Catania in Piazza Iolanda

Contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico
Compro oro

Sito a Catania in Via del Bosco nr. 130/a

Nessuna irregolarità
Chiosco bar

Sito a Catania in Via Conte Torino nr. 31

Nessuna irregolarità
Trattoria  “na za Natala”

Sita a Catania, Via Plebiscito

Elevati nr. 4 verbali di illecito amm.vo per installazione di apparecchi elettronici da gioco non conformi eprivi di N.O.

Sequestro amm.vo di nr. 2 apparecchi elettronici da gioco

Esercizio di vicinato “Il paradiso della frutta”

Sito a Catania, Via C. Vivante nr. 70

Contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico
Esercizio di vicinato “Punto giusto”

Sito a Catania in Via C. Vivante nr. 66

Contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico
Chiosco Bar “Marilyn Monroe”

Sito a Catania in Via C. Vivante nr. 64

Contravvenzionato per

  • occupazione abusiva di suolo pubblico
  • mancanza di SCIA per il bar
  • mancanza di DIA per il bar
Sala giochi

Sita a Catania in Piazza Duca di Camastra nr. 19-20-20/A

Deferito all’A.G. per gioco d’azzardo con sequestro penale di nr. 5 Video Poker

Elevati nr. 10 verbali di illecito amministrativo per installazione di nr. 5 Slot Machine non conformi e privi di N.O.

Compro Oro

Sito a Catania in Via C. Vivante nr. 63

Nessuna irregolarità
Corner sportivo Planet Win

Sito a Catania in Via Fasano nr. 122

Nessuna irregolarità
Pasticceria “Savia”

Sito a Catania, Via Etnea nr. 300

Nessuna irregolarità
Bar “Spinella”

Sito a Catania in Via Etnea nr. 298

Contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico
Chioso Bar

Sito a Catania, Piazza Pardo s.n.

Contravvenzionato per installazione di nr. 1 apparecchio elettronico da gioco non conforme che nella circostanza è stato sottoposto a sequestro amministrativo.
Caffè “Europa”

Sito a Catania in Via Etnea nr. 246

Contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico
Bar “Abracadabra”

Sito a Catania in Via Etnea nr. 446

Contravvenzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico

Scrivi