Il nostro direttore, Daniele Lo Porto, è intervenuto ai microfoni di Catanista, su Radio Smile, per il consueto appuntamento settimanale dedicato alla prossima sfida della squadra di Pippo Pancaro, questa volta impegnata nella difficile trasferta di Lecce. Contro i pugliesi un banco di prova importante ma non decisivo per le sorti del sodalizio etneo, che comincia a tutti gli effetti la seconda fase della sua stagione.

“Non è certamente una gara da Lega Pro – ha esordito Lo Porto – Stasera si sfidano due piazze importanti, due nobili decadute che meritano ben altri scenari. Giochiamo in un orario insolito, ma nel calcio di oggi siamo abituati a questo ed anche a cose peggiori.

Il Catania arriva da tre vittorie consecutive, il Lecce invece non è partito benissimo ragion per cui sono ottimista.

Rossazzurri con qualche problemino in attacco? Calil e Russotto sono calciatori importanti, ma se il mister deciderà di tenerli a riposo sono dell’idea che chi li sostituirà farà bene. Una cosa positiva, quest’anno, è avere un organico omogeneo fatto di gente di pari valore e di livello importante per la categoria in cui si sta giocando.

Contro i giallorossi mi aspetto un Catania che non stravolgerà il suo modo di giocare. Personalmente vorrei vedere in campo una squadra arrogante. Anche se non sarà possibile vedere sempre il Catania vincere, credo sia fondamentale non sbagliare mai l’atteggiamento.

Scrivi