Consueto appuntamento con Catanista per il nostro direttore, Daniele Lo Porto, intervenuto ai microfoni di Attilio Scuderi per commentare il mercato di riparazione della squadra rossazzurra e il prossimo incontro del Massimino contro il Perugia.

“A mio parere quello del Catania è un mercato di riparazione positivo, segno che la filosofia della società in quanto agli acquisti e alle cessioni da portare a termine è cambiata. Importante investire sul made in Italy e su giocatori di categoria per risalire la china; la cordata argentina andava probabilmente sfoltita già in estate.

L’organico secondo me è completo al 95%. Il pacchetto difensivo, salvo possibili cessioni di Spolli e Gyomber, o Sauro, è al completo. Vanno bene anche centrocampo e attacco.

Adesso non importa che i meriti di questo ottimo mercato siano di Cosentino o Delli Carri: l’importante è che la società abbia cambiato registro e abbia provato a correre ai ripari.

La partita di domani contro il Perugia rappresenta uno snodo fondamentale per confermare l’ottimo risultato ottenuto contro la Pro Vercelli e dimostrare che la strada per il raggiungimento del treno playoff è stata imboccata. Concentrazione, sacrificio e umiltà, qualità mancate al Catania del girone d’andata, sono le chiavi senza cui non si può sperare di far bene”.

 

Scrivi