CATANIA – Tutto troppo facile. Il Catania non sbaglia e dopo il pareggio di mercoledì contro il Cosenza si sbarazza di un Catanzaro mai veramente in partita. Un rotondo 4-1 quello che è maturato al Massimino, frutto di una gara giocata all’arma bianca quasi per intero. La classifica comincia veramente a sorridere per la compagine etnea  La forza dei rossazzurri ha annullato del tutto gli avversari mai capaci di resistere ai colpi di Russotto, Calderini e di un grande Castiglia per l’occasione. Le marcature sono state siglate da Calderini al 10′, Calil al 24′, Russotto al 40′, Falcone al 57′ per il Catania. Di Razzitti, al 91′, e su calcio di rigore per fallo commesso in area da Pelagatti, la rete ospite. Entusiasmo alle stelle per la tifoseria catanese che quest’oggi ha riempito lo stadio. L’appetito vien mangiando e la prossima settimana si andrà a casa della Casertana, rivelazione di quest’inizio di stagione per misurare ancora le ambizioni di una squadra che preferisce volare basso pur conoscendo il proprio valore.

TABELLINO

CATANIA (4-3-3): Bastianoni; Parisi, Pelagatti, Bergamelli, Nunzella; Scarsella, Musacci (Agazzi 64’), Castiglia; Calderini, Calil (Barisic 77′), Russotto (Falcone 54’). A disposizione: Ficara, Garufo, Bacchetti, Bastrini, Lulli, Russo, Di Grazia, Plasmati, Rossetti. Allenatore: G. Pancaro

CATANZARO (3-5-2): Scuffia; Ricci, Moi, Priola; Giampà, Taddei (Foresta 64’), Agnello, Maita (Selvatico 75′), Squillace; Razzitti, Mancuso (Ingretolli 58’). A disposizione: Grandi, Orchi, Sirigu, Bernardi, Caruso,  Caselli. Allenatore: D’Urso

Arbitro: Pierantonio Perotti (Legnano)

Assistenti: Benedettino (Bologna), Santoro (Roma 1)

Ammoniti: Ricci (Catanz), Taddei (Catanz), Pelagatti (Catania)

Espulsi:

Marcatori:  Calderini 10’, Calil 24’, Russotto 40’, Falcone 57’, Razzitti 91′

Note:  Recuperi 0-4; Spettatori 11845;

Scrivi