scuola cattivaCatania – La Scuola Media Statale ‘C. B. Cavour’ aderisce allo sciopero degli scrutini il 10 e l’11 giugno.

Si prevede un’elevata adesione allo sciopero da parte degli insegnanti contro l’art.21 del DdL n. 2994, che assegna al Governo la delega per eseguire un’ampia riforma dell’intero sistema scolastico.

Basta l’assenza di un solo insegnante del consiglio di classe, per far annullare lo scrutinio, proprio per mancanza del cosiddetto ‘collegio perfetto’, e il corpo docenti si è già organizzato, per garantire il buon esito dello sciopero.

“Un’arma valida contro ‘la buona scuola’ e la figura del preside padrone…” dichiara Pietro Bernocchi, portavoce nazionale del sindacato di base (Cobas), si salveranno solo le classi terminali quelle di terza media e di quinta superiore. Il rinvio delle operazioni di assegnazione dei voti, messo in atto proprio nei giorni in cui si discute il Disegno di Legge al Senato, è un segnale forte.

Questa riforma non viene dal basso, come ha dichiarato il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, ma è una legge imposta dall’alto contro la volontà del mondo della scuola.

Una delega al Governo a legiferare in materia di: semplificazione del Testo Unico della scuola; valutazione degli insegnanti; riforma dell’abilitazione all’insegnamento; del diritto allo studio; del sostegno degli organi collegiali; creazione di un sistema integrato di educazione e di istruzione; delega che non tiene conto di alcuna opposizione parlamentare e sindacale.

Anna Agata Mazzeo

Scrivi