Per il suo libro di ricette “Tacuinum barocco”

CATANIA – È lo chef etneo Seby Sorbello il vincitore del Premio Giornalistico Apicio 2014, per il suo libro “Tacuinum Barocco. Ricette storiche e meravigliosi banchetti” (Ali&no Editrice), pubblicato lo scorso mese di novembre. Lo chef di Zafferana Etnea, attuale presidente dell’Associazione provinciale cuochi etnei e presidente F.I.C. Promotion della Federazioine Italiana Cuochi, si è trovato in una rosa di altrettanti prestigiosi candidati, assieme a: Carlo Cracco, con il libro “A qualcuno piace Cracco. La cucina regionale come piace a me”; Alessandra Spisni, “Fatto in casa. Segreti e ricette della maestra di cucina”; Gualtiero Marchesi, “Il grande ricettario”; Bruno Barbieri, “Via Emilia via da casa. Ricette e racconti di un cuoco sempre in viaggio”.

foto premio APICIO a SORBELLOIl Premio, promosso dall’Accademia italiana di gastronomia storica e dall’Università San Raffaele di Roma corso di Laurea in Scienze enogastronomiche, quest’anno aveva la finalità di premiare un cuoco che con il suo testo avesse saputo proporre e recuperare in chiave attuale delle ricette storiche italiane. La giuria, presieduta dal Magnifico Rettore dell’Ateneo, Enrico Garaci, è stata chiamata a scegliere il volume più meritorio tra i cinque selezionati dall’Accademia, presieduta dal Governatore Generale, Mario Giorgio Lombardi. Dopo un’attenta valutazione sul valore filologico, tradizionale e gustativo delle ricette proposte, la giuria ha deciso che il Premio Apicio 2014 venisse assegnato al lavoro che Seby Sorbello ha fatto riproponendo preparazioni di cucina appartenenti a testi del XVIII secolo. A consegnare allo chef il Blasone Ufficiale del Premio è stato il direttore dell’Accademia, il giornalista gastronomico Alex Revelli Sorini.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi