di Agnese Maugeri, foto servizio Vincenzo Musumeci

Catania- Due ragazzi e un sogno comune il cinema, nasce così la web serie “ Let me out” un prodotto di qualità che in poche settimane ha già conquistato un cospicuo pubblico di cybernauti e di appassionati di web serie.

Riccardo Greco e Davide Abate sono rispettivamente il regista e il produttore, il primo, Riccardo, catanese di nascita ma romano d’adozione ha studiato regia in una scuola a Cinecittà e ha realizzato molti cortometraggi, spot e videoclip diffusi anche in circuiti internazionali. Il secondo, Davide, è un appassionato di grafica e media, le sue esperienze lavorative lo vedono coinvolto dalla progettazione grafica in 3D fino alla produzione musicale.

Dei veri talenti che hanno deciso di mettersi in gioco con una serie unica che unisce il thriller all’horror non cadendo mai nello scontato e nello splatter e mantenendo gli spettatori in un costante equilibrio fatto di attese e pathos.

VMM_9282“Let me out” è stata presentata a Catania presso il Centro Studi Laboratori D’arte di Alfredo Lo Piero, dalla giornalista Sarah Donzuso insieme ai due creatori. Lo spunto per realizzare questa particolare serie i due giovani ragazzi lo hanno avuto proprio dal mondo del web, infatti vi sono alcune leggende metropolitane, definite “creepypasta” vicende più o meno veritiere che circolano su internet e che si alimentano di curiosità tra i giovani. Una di queste narra di macabri esperimenti umani svolti da ricercatori russi durante la seconda guerra mondiale, più precisamente si tratta dell’immissione di un particolare gas antisonno nelle celle dei prigionieri, tutto ciò porta le vittime ad acquisire comportamenti degeneranti che culminano con l’autolesionismo, costringendo l’esercito a interventi estremi.

“Non sappiamo dove finisce la realtà e inizia la parte inventata di questa storia ma ci è piaciuta e abbiamo scrittoVMM_9308 soggetto e sceneggiatura e in tre settimana. Dopo aver effettuato diversi casting per trovare gli attori giusti, abbiamo iniziato le riprese” afferma il regista Riccardo Greco il quale tende anche a precisare che la loro serie, per motivi storici, non è ambientata durante la seconda guerra mondiale ma bensì nel periodo della guerra fredda.

La trama, senza dubbio avvincente, coinvolge lo spettatore intrappolandolo dentro una rete fatta di intrighi e colpi di scena, interessante da seguire stuzzica la curiosità e la voglia di scoprire il destino dei prigionieri nel corso delle puntate.

VMM_9323Il progetto del tutto autofinanziato è opera di un gruppo di giovani talentuosi, il produttore Davide Abate ha aggiunto “abbiamo cercato di assemblare un team di giovani professionalità. I fondi provengono da noi, abbiamo provato a suscitare l’interesse di alcuni grandi enti per creare collaborazioni ma come sempre accade, anche nel nostro caso, c’è stata molta diffidenza nell’imprenditoria giovanili. Siamo riusciti a creare un laboratorio grafico multimediale nel quale chiunque ha bisogno di supporto tecnico lo può trovare, questa è la nostra opera prima e ne siamo fieri”.

Alla conferenza stampa ha partecipato il presidente della consulta giovanile del comune di Catania, Pierangelo Spadaro il quale, dopo aver portato i saluti da parte del sindaco Enzo Bianco, si è complimentato con i due giovani invitandoli a girare la prossima serie nella città etnea promettendogli, in tal caso, un impegno concreto per sostenerli.

Tra i titoli di coda della serie balza agli occhi un illustre nome, quello del compositore Nicola Piovani, Riccardo durante l’incontro ha spiegato com’è avvenuta la collaborazione “tramite una nostra conoscenza abbiamo mandato il soggettoVMM_9278 e la sceneggiatura a Nicola Piovani e lui ci ha risposto subito mettendoci a disposizione una serie di opere musicali tra le quali potevamo scegliere: una iniezione di fiducia per noi e un segno di stima non indifferente”.

Due talenti che di certo non si fermeranno a questa prima opera, “Let me out” è visibile dal 15 aprile fino a inizio estate sul canale You Tube: “Let me out – the series”, ogni mercoledì andrà in onda una nuova puntata, per chi non l’avesse ancora vista recuperate gli episodi passati e preparatevi a una visione sorprendente !

 Agnese Maugeri

Foto Servizio: Vincenzo Musumeci

Scrivi