PALERMO – Il gruppo parlamentare di Sicilia democratica si è riunito per discutere sulla urgenza di approvare la legge su aree metropolitane e enti di area vasta che consenta la ripresa delle attività istituzionali delle ex province, paralizzate dall’impugnativa del governo nazionale.
“Scuole, disabili, strade, personale sono rimasti al palo di un braccio di ferro tra Governo nazionale e regionale che apporta solo sofferenze e ritardi”. Lo spiega Giambattista Coltraro, capogruppo di Sicilia democratica all’Ars intervenendo sulle ex Province. “E’ tempo che il commissariamento cessi, per lasciare il posto alla gestione piena degli Enti, portando a compimento l’attuazione della legge”. “Non condividiamo – spiegano i parlamentari di SD, Coltraro, Giuffrida e Currenti – la posizione assunta dal Governo nazionale che, nell’intenzione di omologare la norma siciliana alle disposizioni della Delrio, ha finito per creare incertezza e confusione nella centinaia di famiglie che attendono una risposta concreta rispetto alla loro ricollocazione negli Enti oggetto della riforma”.
“Siamo convinti – conclude Coltraro – che il rispetto dell’autonomia della Sicilia, passi anche dalla condivisione di una legge, che se pur differente in qualche aspetto da quella nazionale, è espressione della volontà di un Parlamento, democraticamente eletto”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi