PALERMO – La Sicilia continua a rappresentare la meta preferita dei turisti anche grazie al clima estivo contro la pioggia e il maltempo che hanno invece caratterizzato la stagione pazza del 2014 al Nord.

Secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’le  vacanze degli italiani nell’estate 2014 sono state comunque low cost per effetto soprattutto dei risparmi nell’alloggio, nella scelta della località ma anche nella durata.  Tra le destinazioni, gli italiani hanno continuato a preferire il mare dove si è recato il 71 per cento dei vacanzieri. Sempre dal sondaggio nazionale di Coldiretti emerge che le vacanza negli agriturismi sono aumentate rispetto allo scorso anno anche grazie alla qualificazione e diversificazione dell’offerta e all’ottimo rapporto tra prezzi/qualità. “Un bilancio positivo evidenziato anche dall’assessorato regionale al Turismo che  tuttavia penalizza la Sicilia in termine di immagine visto che la spazzatura continua a rappresentare il biglietto da visita. Nelle zone limitrofe all’aeroporto di Palermo – sottolinea il presidente regionale della Coldiretti, Alessandro Chiarelli, cumuli di immondizia si susseguono per centinaia di metri per non parlare nelle aree interne dove anche zone di campagna sono trasformate in vere e proprie discariche”.

“Il problema va risolto perché l’immagine offerta denigra il lavoro degli operatori turistici, agrituristici e degli agricoltori impegnati nella difesa e nella valorizzazione del  territorio – aggiunge il direttore regionale, Giuseppe Campione.  Il settore turistico si lega a quello agricolo e negli ultimi anni è cresciuto proprio grazie alla capacità di sfruttare le risorse territoriali enogastronomiche e culturali”.

 

 

 

 

 

Scrivi