di Elisa Guccione

CATANIA – «I ragazzi sono il futuro della società, i costruttori del domani». Così Enzo Bianco, sindaco della città di Catania, durante la tavola rotonda “Giovani, Legalità, Cittadinanza e Partecipazione”, nella Sala Giunta del Comune di Catania, insieme a Marco Consoli, vice sindaco del Comune di Catania, e Pierangelo Spadaro, presidente della Consulta Comunale dei Giovani di Catania, sostiene con forza i ragazzi catanesi e l’importanza della cooperazione come strumento di una società civile e giusta. «Fare squadra – aggiunge il primo cittadino – significa mettersi in gioco e avere consapevolezza delle proprie potenzialità ed anche migliorasi, perché il confronto permette di diventare uomini migliori». FotoTavolaRotonda1

Obiettivo del progetto, realizzato all’interno del Programma Operativo Nazionale FESR Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007-2013 e finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Gioventù, creare negli otto centri italiani You&Me, nati come proiezioni dell’iniziativa, un riferimento permanente per l’intero territorio e non solo per i giovani.

«Il Centro You&Me di Catania, realizzato all’interno di un bene sequestrato in via Rametta 47,  è un’area di aggregazione e formazione – spiega ancora Enzo Bianco –  ospita associazioni, start up, amici, compagni di avventure che hanno finalmente trovato una struttura in grado di ospitarli dove è possibile crescere umanamente e lavorativamente».VisitaCentro1

L’importante attività culturale e sociale  ha spinto il Ministero dell’Interno PON Sicurezza per lo Sviluppo a prorogare di altre sei mesi le attività dell’associazione.

Le autorità istituzionali catanesi e i ragazzi del quartiere Cappuccini dopo una visitata alla struttura hanno festeggiato con musica, esibizioni e spettacoli dal vivo.

Elisa Guccione

Scrivi