Riceviamo e pubblichiamo.

Può capitare che l’Amministrazione Finanziaria notifichi un avviso di accertamento o una cartella esattoriale ad una persona che risulta in realtà deceduta. Bisogna innanzitutto dire che i familiari devono rispondere dei debiti tributari del defunto solo se hanno accettato l’eredità e quindi se hanno acquisito la qualità di erede. Ricordiamo a tal proposito che vi può essere accettazione “espressa” (una dichiarazione scritta dalla quale risulti l’intenzione di accettare l’eredità) o “tacita” (un comportamento chiaro ed inequivocabile da cui si desume la volontà di accettare l’eredità: la vendita dell’appartamento la riscossione di crediti del defunto, ecc.).

Con l’accettazione dell’eredità, il familiare risponde, dunque, di tutte le obbligazioni (comprese quelle di natura tributaria) facenti capo al de cuius, anche con il proprio patrimonio personale nel caso in cui quello dell’estinto non fosse sufficiente. E se i familiari anziché accettare l’eredità vi avessero rinunciato . In questo caso poiché la rinuncia all’eredità è retroattiva (art. 521 Cod. Civ.), gli eredi rinunciatari possono opporsi a qualsiasi pretesa del fisco o di eventuali creditori inviando anche in questo caso una richiesta di archiviazione del provvedimento.

A maggior chiarimento per tutti gli addetti al settore specifichiamo relativamente al Bilancio di previsione 2016 ancora da approvare da parte di molti Consigli comunali  che ove  fossero  stati inseriti importi relativi a somme iscritte a ruolo di cittadini deceduti  ancora da riscuotere che  si potrebbe rappresentare  il reato di false comunicazioni sociali.

Collegio ombra dei Revisori dei conti composto da:

Dr. Monforte Vincenzo Commercialista e Revisore dei Conti a Roma Revisore dei Conti della Regione Lazio.

Dott. Calogero Cittadino Commercialista e Revisore dei Conti a Catania Gestore , La Tutela degli Onesti, Organismo del Comune di Acireale e Catania.

Prof. Romeo Ciminello Docente di Etica ed economie dello Sviluppo a Roma.

Dott. Alfredo Lanaia Commercialista, revisore dei conti e CTU Tribunale di Catania Revisore dei Conti in Istituti e Scuole della Provincia di Catania.


-- SCARICA IL PDF DI: Comune di Catania, 19.000 cittadini deceduti iscritti a ruolo inficiano il bilancio --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata