Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha espresso “un sincero e affettuoso ringraziamento” a Giuseppe Girlando che, dopo aver ricoperto il ruolo di assessore al Bilancio nella Giunta fin dal suo insediamento, nel 2013, si è dimesso per ragioni personali avendo raggiunto l’obiettivo dell’adozione del nuovo Piano di riequilibrio finanziario da parte del Consiglio comunale. Contemporaneamente ha augurato un buon lavoro all’assessore designato Salvatore Parlato, considerato uno dei maggiori esperti di finanza locale.
“In questi tre anni – ha detto Bianco – ho visto Girlando lavorare con passione e senza risparmio di tempo e di energie per salvare la città da un dissesto che per l’Amministrazione avrebbe rappresentato probabilmente la via più facile ma che avrebbe duramente colpito i Catanesi già fortemente provati dalla crisi economica. Prima il ricorso al Dl35 per il pagamento di 190 milioni di debiti che il Comune aveva contratto negli anni passati con imprenditori in maggioranza catanesi e poi la riformulazione del Piano di riequilibrio con l’eliminazione delle criticità, ha consentito a tutti noi, grazie al lavoro svolto da Girlando e dai suoi collaboratori, di cogliere obiettivi di straordinaria importanza. Con il nuovo Piano, infatti, Catania può guardare con fiducia al proprio futuro. Certo, la fase di risanamento non può dirsi conclusa, ma in questi tre anni sono state gettate solide basi che consentono, con grande dignità e legittimo orgoglio, di mettere definitivamente e a posto i conti di Catania dopo aver fatto emergere la reale posizione finanziaria dell’Ente”.
“A Giuseppe Girlando – ha aggiunto il Sindaco – va dunque la mia gratitudine prima di tutto come Sindaco e dunque rappresentante di tutti i cittadini catanesi. Ma anche a livello personale, per il tratto umano che ha sempre contraddistinto il suo operato, svolto con dedizione nell’interesse dei Catanesi”.
“Voglio dare poi – ha detto ancora Bianco – un caloroso benvenuto a Salvatore Parlato, che ha accettato di far parte della squadra della Giunta. Ho avuto modo di apprezzarne la qualità professionale, la competenza, la misura, l’esperienza. Doti queste, che, peraltro, gli vengono unanimemente riconosciute. Avremo modo di vedere presto al lavoro il nuovo assessore e presentarlo alla cittadinanza”.
Sono orgoglioso di aver contributo a questo progetto forte e decisivo per il futuro della città”. Così l’assessore al Bilancio Giuseppe Girlando conclude la lettera con cui si dimette dall’incarico.
Al suo posto entrerà in Giunta Salvatore Parlato, esperto di finanza locale che ha già accettato la proposta del sindaco Enzo Bianco e al quale Girlando ha augurato un buon lavoro.
“Avevo da tempo – si legge nella lettera – preannunziato al sindaco Enzo Bianco che, una volta adottata la riformulazione del Piano di riequilibrio, avrei rimesso il mandato. Il vecchio piano, pur frutto di un lavoro approfondito, alla prova dei fatti, ha mostrato di non avere rappresentato alcuni aspetti importanti della situazione iniziale. Ciò ha reso necessaria, per centrare il risanamento, la sua riformulazione, senza la quale la città sarebbe precipitata verso il dissesto finanziario, come più volte sottolineato dalla Corte dei Conti”.
Salvatore Parlato ha 43 anni, si è laureato alla Cattolica di Milano, ha conseguito nello stesso ateneo un master in economia e finanza internazionale ed è considerato uno dei maggiori esperti italiani di finanza locale. E’ commissario straordinario del Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura) e consigliere d’amministrazione di Irfis. Ha ricoperto più volte il ruolo di dirigente in uffici della Presidenza del consiglio dei ministri, del ministero delle Finanze e della Regione Siciliana. Per sette anni è stato uno dei principali esperti dell’Ifel, fondazione dell’Anci per l’economia e la finanza locale occupandosi in particolare di proposte normative, calcolo dei fabbisogni standard, sostenibilità finanziaria. Ha insegnato in numerosi corsi della Scuola superiore della Pubblica Amministrazione e in master di prestigiose università italiane. Tra i temi delle sue ultime pubblicazioni, finanza comunale e federalismo, patto di stabilità, solvibilità degli enti territoriali, ruolo delle Amministrazioni locali nella creazioni di reti a sostegno dello sviluppo, dismissione immobili pubblici, gestione della Polizia urbana, reti infrastrutturali.


-- SCARICA IL PDF DI: Comune di Catania, cambia il controllore dei conti. Giunta Bianco in ristrutturazione --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata