di Umberto Pioletti

Si sono chiuse le gare dei campionati del Mondo di sollevamento pesi a Almaty, in Kazakistan. Dieci gli azzurri che hanno calcato la pedana mondiale nella prima tappa di qualificazione per i Giochi di Rio De Janeiro. Verdetti non ce ne sono ancora stati. I nomi delle prime Nazioni che avranno la certezza di prendere parte alle Olimpiadi saranno noti dopo l’edizione 2015 dei Mondiali che si disputeranno a Houston in America.
Chi non dovesse rientrare nel lotto dei qualificati avrà comunque la chance finale per la qualificazione di squadra nei campionati continentali in programma nella primavera del 2016, pochi mesi prima del via delle Olimpiadi brasiliane.

PagliaroIn Kazakistan l’Italia ha ben figurato con la nissena Genny Pagliaro. L’atleta isolana si è piazzata al sesto posto nella categoria 48 kg con qualche rimpianto per aver soltanto accarezzato, nella prova di strappo, la medaglia di bronzo, sfuggita per il peso corporeo maggiore rispetto alla thailandese Khamsri. Ottimo, comunque, il piazzamento finale della Pagliaro, che si è confermata come migliore europea della categoria conquistando parecchi punti per la qualificazione olimpica della Nazionale azzurra.
In gara anche il nisseno Mirco Scarantino. Il giovane rappresentante della Trinacria, nella finale della 56 kg, ha vissuto una giornata no, finendo fuori classifica nell’esercizio di slancio. Passaggio a vuoto che non scalfisce il valore di Scarantino, che rimane una certezza e che potrà, da qui al 2016, centrare l’obiettivo personale della seconda partecipazione ad un’Olimpiade anche a livello individuale. Mirco Scarantino, tra l’altro, avrà subito l’occasione per riscattarsi nei Campionati Europei Juniores che inizieranno domenica 23 novembre in quel di Cipro.
Ad Almaty sono stati ritoccati ben 12 record del Mondo Seniores, due Juniores e uno della classe Under17. La miglior nazione è risultata la Corea del Nord con 12 medaglie d’oro e 4 campioni del mondo, tanti quanto la Cina, mentre la Russia si è aggiudicata entrambe le medaglie d’oro delle categorie maschili e femminili dei super massimi con Tatiana Kashirina nella +75 kg femminile (5 nuovi record del mondo per lei) e con Ruslan Albegov nella +105 kg.

Scrivi