Vendetta contro la Sambenedettese:  1 a 0. Decide Rodrigo

di Gianluca Virgillito

Mancano pochi secondi al termine del terzo tempo della partita di semifinale di Coppa Italia tra Domusbet e Sambenedettese, 0 a 0, rigori vicini. È stata una partita soffertissima, in cui la squadra catanese ha subito l’ avversario in alcune fasi del match, specialmente nel primo tempo, ma ha comunque fatto la sua partita. È stata la partita di Del Mestre, abile a sventare più pericoli, fortunato quando, una volta battuto, il palo lo assiste per ben due volte sulle conclusioni di Leghissa e Jordan. È stata la partita di un gruppo che non vuole mollare mai. Il secondo e il terzo tempo sono più equilibrati. Ancora straordinario Del Mestre ma sciupone l’attacco che si mangia almeno un paio di reti con Bosco nel secondo tempo e con Franceschini e Fred nel terzo. La sirena sta per suonare. Franceschini recupera un pallone in ripartenza, un rimpallo favorisce Rodrigo che scaglia il tiro che fa impazzire il sodalizio etneo. Si vince anche la semifinale, a tempo quasi scaduto. Un risultato, quello di 1 a 0, che non si è soliti vedere in una partita di beach soccer, segno tangibile di quella che è stata la gara, più tattica che tecnica, giocata sui nervi, con attenzione. Sofferenza ed esplosione nel finale in campo ma anche in tribuna. Il direttore generale Santo Palma dopo aver scaricato la tensione esalta gruppo e vittoria: “siamo forti, tosti e mai domi. Abbiamo tenuto botta, sofferto, ma anche sprecato tanto. Alla fine è una vittoria meritata per di più avendo battuto una squadra forte come la Sambenedettese”.

La vendetta è  servita! Lo scorso anno, infatti, proprio la Sambenedettese si era aggiudicata in finale la Coppa Italia a scapito dei rossazzurri. Ora in finale un altro avversario particolare: il Terracina. “Abbiamo vendicato la finale della passata stagione proprio in Coppa Italia. Siamo riusciti ad avere la meglio sull’avversario allo scadere con caparbietà e convinzione. Adesso un’ altra nostra grande rivale, Terracina. Una finale con loro sempre dal sapore particolare e una nuova rivincita da prendere per la nostra storia”. Queste le parole del vicepresidente Giovanni La Torre che caricano l’ambiente in vista della finalissima.

Sarà tosta ma l’appetito vien mangiando e la Domusbet Catania ha fame di successi!

Gianluca Virgillito

Scrivi