Va in scena allo Stadio Esseneto di Agrigento il primo derby siciliano della stagione. Il Catania di Pancaro sfida l’Akragas dell’ex rossazzurro Nicola Legrottaglie nel match valido per il primo turno della fase finale di Coppa Italia di Lega Pro. Tanti gli ex da una parte e dall’altra. Dallo stesso Legrottaglie a De Rossi, passando per Parisi, Lovric e Capuano, ma anche Garufo e gli indisponibili Almiron e Aveni. La spuntano i padroni di casa, vittoriosi per 1-0 grazie alla marcatura di Leonetti al 57′.

Il tecnico degli etnei cambia praticamente tutto rispetto alla gara del Massimino con il Martina Franca schierando di quell’11 soltanto Scarsella (che sarà squalificato in campionato contro la Juve Stabia) e dando in attacco un’importante possibilità a Barisic e Rossetti, con Di Grazia a completamento del reparto. Legrottaglie mischia invece le carte, proponendo al fianco di alcuni importanti titolari i giocatori che hanno avuto fino a questo momento minori opportunità di mettersi in mostra.

Il primo tempo è quasi interamente un monologo del “Gigante”. Il gioco dei padroni di casa mette in difficoltà un Catania che si conosce poco sul campo. Zibert in cabina di regia e soprattutto Roghi in avanti rappresentano due spine nel fianco per la retroguardia rossazzurra che va in difficoltà in più di un’occasione. Una punizione di Roghi mette i brividi a Liverani dopo 7′. Al 18′ è invece Leonetti a sprecare, tirando debolmente dopo una penetrazione centrale. Dopo circa 10′ è Cristaldi ad andare vicino al gol, calciando dopo la splendida pennellata volante di Zibert. Al 30′ l’unica occasione etnea della prima frazione: Lovric sbaglia in disimpegno favorendo l’accorrente Barisic. La punta rossazzurra pur trovandosi solo davanti all’estremo difensore avversario, Vono, spreca malamente facendo disperare Pancaro.  Dopo un paio di minuti è pericolosissima l’Akragas: Roghi trova la parata di Liverani, sulla ribattuta a botta sicura Zibert trova in De Rossi l’ultimo baluardo, a salvare sulla linea di porta.

Nella ripresa Pancaro prova subito a correre ai ripari per tentare di vincere la partita e giocare un calcio migliore inserendo Russotto al posto di Sessa e proponendo una formazione a trazione anteriore. La prima occasione però è ancora targata Akragas, con Mauri che però non impensierisce il portiere catanese. Al 50′ il Catania va vicinissimo alla rete. Rossetti mette in mezzo per Barisic che di piatto alza troppo sprecando incredibilmente. Gli sforzi dell’Akragas vengono ripagati al 57′: Leonetti con un precisissimo tiro a giro fa esplodere di gioia i tifosi dell’Esseneto. La gara si trascina stancamente tra sostituzioni (importante l’infortunio di Bastrini) ed interruzioni fino all’80’, minuto in cui Vono in piena area atterra Barisic. L’arbitro Fourneau concede il rigore che però Russotto si fa parare. La pressione rossazzurra degli ultimi minuti si risolve in un nulla di fatto.

TABELLINO

AKRAGAS-CATANIA 1-0

AKRAGAS (4-3-3): Vono; Salandria, Lovric (Aloi 75′), Marino, Capuano; Vicente, Zibert, Mauri; Roghi (Alfano 85′), Cristaldi (Fiore 70′), Leonetti. A disposizione: Lo Monaco, Fiore, Madonia, Di Piazza, Contino, Blandi, Capraro. Allenatore: Nicola Legrottaglie.

CATANIA (4-3-3): Liverani; Parisi, De Rossi, Bastrini (Ferrario 60′) , Bacchetti; Scarsella, Sessa (Russotto 46′), Russo; Rossetti, Barisic, Di Grazia (Calderini 57′). A disposizione: Ficara, Pelagatti, Bergamelli, Garufo, Agazzi, Lulli, Schisciano, Falcone, Bastianoni. Allenatore: Giuseppe Pancaro

ARBITRO: Fourneau di Roma 1; Assistenti: D’Annibale e Argento

AMMONITI: Zibert (A), Bastrini (C), Parisi (C), Ferrario (C), Capuano (A), Calderini (C), Vono (A), Vicente (A)

ESPULSI:

MARCATORI: Leonetti al 57′

NOTE: recuperi 3-4

Scrivi