A Palermo arrestati i tre presunti rapinatori che lo scorso 30 giugno avrebbero realizzato un colpo ai  danni di una sala giochi in via Molinari. A organizzare la rapina sarebbe stato un ex poliziotto, Vincenzo Ruisi, in servizio alla Questura di Palermo fino al giugno del 1996, quando ne fu allontanato.

Per lui è stato disposto il fermo come indiziato per rapina aggravata, e adesso è rinchiuso nel carcere dei Pagliarelli. L’uomo era stato condannato dalla Corte di Appello di Milano a 5 anni e 8 mesi di reclusione e interdizione dai pubblici uffici per aver commesso, con altri, otto rapine aggravate dall’utilizzo di un’arma d’ordinanza.

 

Il sindaco di Termini Imerese, Salvatore Burrafato, è stato sottoposto all’obbligo di firma così come il dipendente comunale Marino Battaglia. Gli hanno contestato peculato, truffa aggravata, falso in atto pubblico e abuso d’ufficio e si è dimesso – comportamento, bisogna dire, abbastanza raro.

Salvatore Burrafato, figlio del brigadiere della polizia penitenziaria ucciso dalla mafia nel 1982, è uno dei simboli del movimento antimafia.

Filippo Gusmano, l’assessore all’agricoltura di San Teodoro, un comune dei Nebrodi, si sarebbe dovuto occupare della valorizzazione dei prodotti tipici del territorio, aiutare gli agricoltori in difficoltà, eccetera eccetera. In effetti si è dato all’agricoltura in prima persona dimostrando anche una certa capacità imprenditoriale, ma è andato, come dire, un pochino fuori tema: si era buttato infatti nella coltivazione della canapa indiana. L’hanno arrestato in flagranza i carabinieri.

Insomma, se tutte le accuse fossero confermate avremmo un poliziotto rapinatore, un simbolo antimafia che truffa e un assessore all’agricoltura che coltiva droga.

Avete presente gli ossimori come “povero ricco”, “ghiaccio bollente”, “silenzio assordante”? Ecco, questi sarebbero secondo me “ossimori morali”:  poliziotto-rapinatore, simbolo antimafia che truffa, assessore all’agricoltura-coltivatore di cannabis. Brutti ossimoracci con una grossa carica distruttiva sulla fiducia della gente nelle istituzioni.

Casi del genere andrebbero trattati con particolare severità, perché al reato specifico aggiungono quello di “cattivo esempio da parte di soggetti ad alta responsabilità pubblica”.

Un reato che uccide, soprattutto nei giovani, la speranza in un futuro in cui imgseltl’etica torni a essere importante.

Carlo Barbieri

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Carlo Barbieri

Carlo Barbieri è nato nel 1946 a Palermo. Si autodefinisce un chimico arrugginito e un marketer pentito prestato alla letteratura. Nella sua “prima vita” è stato manager in una multinazionale chimica americana ed è visssuto a Palermo, Catania, Teheran, Il Cairo. Adesso scrive racconti e gialli e risiede a Roma; Carlo Barbieri è titolare di rubriche su “Sicilia Journal” e “Malgradotutto”, e collabora con Ultima Voce e Fatti Italiani

Post correlati

Scrivi