Katya Maugeri

CATANIA – “Bisognerebbe sognare e aspirare a una vita migliore, legata ai valori umani” a dichiararlo è un uomo dal forte impegno politico e civile, uno degli scrittori più amati nel panorama della letteratura contemporanea: Luis Sepúlveda, ospite ieri della conferenza stampa dedicata alla tappa conclusiva di Paesaggi di mare: progetto itinerante all’insegna di letteratura, musica e teatro, che esplora la Sicilia attraverso cinque incontri culturali e cinque itinerari, partendo dalle città di mare. La rassegna è promossa dall’Assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, presieduto da Anthony Barbagallo nell’ambito del progetto interregionale Mare e miniere di mare che intende valorizzare le eccellenze naturalistiche collegate alle risorse costiere, l’ideazione e l’organizzazione degli eventi è affidata all’associazione Taormina Book Festival, presieduta da Antonella Ferrera.

barbagallo_La splendida cornice del Teatro Massimo Bellini ha accolto un grande esponente della cultura, il quale ha più volte sottolineato che il dovere di ogni scrittore è quello di registrare e raccontare la realtà, poiché “raccontare è sinonimo di resistere”. All’incontro erano presenti l’assessore al turismo, sport e spettacolo Anthony Barbagallo, Roberto Grossi, sovrintendente del Teatro Massimo Bellini di Catania, la giornalista Caterina Andò e Antonella Ferarra.

“La cultura è uno squarcio di immagine, un elemento assoluto di modernità e di liberazione”, dichiara Roberto Grossi, ed è proprio con la cultura che l’assessore Barbagallo ha affermato con orgoglio di voler promuovere il territorio, e stasera sarà lui a consegnare il premio Sicilia a Luis Sepulveda durante la presentazione del suo ultimo lavoro, “La fine della storia” al Teatro Sangiorgi di Catania, alle ore 20.30. “Il riconoscimento – sottolinea l’assessore – sarà assegnato a Sepulveda per l’eccellenza della sua produzione letteraria e i valori civili e umani che trasmette. Premiamo in lui uno scrittore raffinato e uno spirito indomito che ha lottato e continua a lottare coraggiosamente, tanto con l’attivismo politico che con la penna, per la tutela dei diritti umani, la legalità, la difesa della natura e delle libertà dell’uomo. Un intellettuale e un artista che ama la Sicilia e ne è riamato”. L’incontro sarà condotto dal giornalista televisivo Alberto Bilà e Antonella Ferrara, ospiti della serata il sassofonista Francesco Cafiso, tra i talenti più precoci della storia del jazz, Mariano Rigillo, attore di teatro, cinema e televisione, cinquant’anni di carriera e di successi, è stata affidata la lettura di alcuni brani.

Luis Sepulveda ha da sempre contribuito alla divulgazione di messaggi importanti, forti, ai quali siamo molto grati, lui ci ha insegnato che “Vola solo chi osa farlo”, ed è bene – quindi – spiccare il volo.


-- SCARICA IL PDF DI: Cultura, Luis Sepulveda: l'impegno civile dello scrittore che resiste --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata