Dario Fo compie novant’anni e per l’occasione Fanpage.it lo ha intervistato a casa sua a Milano, facendosi raccontare alcuni dei momenti più intensi della sua straordinaria carriera, dall’incontro con Franca Rame, al Nobel, fino all’Italia di oggi.
                                                                                                                                                                                                                                   Se non sai da dove vieni non riuscirai mai a capire dove vuoi arrivare
Nato in un piccolo paese del Lago Maggiore, “Lì ho acquisito gli elementi fondamentali del linguaggio sui quali ho fondato il mio studio della rappresentazione”, racconta Dario Fo, “Questa coscienza è stata fondamentale nel teatro, ho imparato a non gesticolare ma a gestire”.
                                                                                                                                                                                                                                   Il ricordo più felice
“Franca Rame, ‘non è per te’ mi dicevo. Di sorpresa è lei che ha deciso che io ero il suo uomo. Nei sogni la vedo sempre giovane come quando ci siamo incontrati”.
                                                                                                                                                                                                                                    Mi dimentico di aver preso il Premio Nobel
“Ho vinto il Premio Nobel, ma me lo dimentico”, rivela l’artista, ammettendo “A volte soprassalto quando mi dicono ‘Non capita tutti i giorni di incontrare un Premio Nobel’ e questa è una salvezza molto grande”.
                                                                                                                                                                                                                                    Non è vera la storia dei giovani che sono fannulloni
“Non è vero che i giovani sono fannulloni”, dichiara Dario Fo, “È una storia inventata da dei vecchi bugiardi indegni, i giovani hanno una grande volontà di fare e di uscire dal guscio della famiglia. Non accontentatevi di piccoli saperi ma prendetevi grandi saperi”.
                                                                                                                                                                                                                                    Non temo la morte
“Sono un ateo rigoroso e amo tantissimo la vita” conclude l’artista citando la canzone ‘Son contento di morire ma mi dispiace’. “ ‘Far ridere’ è il tormentone che porto sempre avanti”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi