20160316_180024

di Anna Agata Mazzeo

Già quando lo digito sulla tastiera, il software Word, che uso per redigere gli articoli, lo sottolinea in rosso in quanto lo riconosce come errore.

Il software di elaborazione fa un controllo ortografico, al fine di evitare una figuraccia.

Ecco. Il termine ‘figuraccia’ si presta benissimo per quest’argomento.

Pre-diciottesimo (anche scritto così il software non lo accetta, pazienza).

Saprete già tutti cos’è, o meglio, cosa non è.

Non è ‘sobrio’, né di ‘buongusto’.

Dopo il servizio di Enrico Lucci, andato in onda, qualche tempo fa, per la trasmissione Le Iene su Italia1, tutta l’Italia sa di cosa stiamo parlando.

Imminenti diciottenni, maschi e femmine, festeggiano la maggiore età (che dovrebbe identificarsi con l’ingresso all’età matura), mettendo in scena il meglio di sé, con l’aiuto di un fotografo-regista che si occupa delle riprese video.

Contorsioni in pose plastiche su prati erbosi o muretti precari, avvinghianti figure, che con tanto di unghie ricostruite e smaltate a dovere, si saldano alle balaustre marine, come a querce secolari, tuffandosi con gli abiti indosso in un mare d’inverno, o scalando cime innevate con l’immancabile tacco 12 super- zeppato e su cui hanno fatto esercizi di portamento già dall’età di 11 anni. Per la versione maschile lascio che lavoriate di immaginazione.

20160316_185138

Si tratta della diffusione di un fenomeno pop-trash, tutto made in Sud, che documenta attraverso le immagini ritratte la caricatura di una generazione che ha fuso l’usanza del filmino matrimoniale, con quello prematrimoniale, adattandolo all’evento “maggiore età”, perché, testimoni le mie orecchie: “non è detto che ci si sposi, quindi ogni scusa è buona….” pur di (e per) apparire.

20160316_185449

foto: DGmag Pinterest

E’ una beffa alle regole di eleganza e ai tempi di crisi (di tutti i valori e per tutte le ruote) che stiamo attraversando, il regalo del video con set fotografico dai prezzi esagerati, che i genitori dei futuri maggiorenni accettano di fare (di buon grado o sotto minaccia), come se questa forma di ‘debRutto in società’ potesse essere di buon auspicio per il futuro maturando.

Nell’era del racconto per immagini, del dilagare di foto e post sui social, dove accingendosi al tavolo per il pranzo non ci si fa più ‘il segno della croce’, ma si attiva la fotocamera dello smartphone per postare le pietanze su Instagram, dove il “buon appetito” è sostituito dal like, non si poteva trascurare di divulgare tutte le fasi che portano alla maggiore età, raccontate attraverso i filmati, così per la storia di famiglia, la scelta della location (con passaggio obbligato ai piedi del Liotru per i catanesi), degli outfit, degli inviti, e quanto serve per festeggiare l’avvenimento.

4ffba64deedf757cf7cb88036bf270e0

Se non avete ancora chiara l’idea di come vengano girati e montati i video dei prediciottesimi, date una sbirciatina sul canale You tube (premunitevi di sacchetto antipanico o di pop corn se avete lo stomaco forte), oppure sintonizzatevi su LA5 per godervi il programma prodotto e ideato dalla DueB Produzioni di Luna Berlusconi.

Il programma: “Il Boss dei prediciottesimi” andrà in onda mercoledì alle 23.30 circa e sarà in replica il venerdì alle ore 24, sabato alle ore 14 e la domenica alle ore 11, per un totale di 7 appuntamenti.

Non avrete scuse per perdervi neanche una puntata.

Gianni Muscolino insieme a due tra i video-maker e fotografi più richiesti di Catania e provincia: Raimondo Marchese e Davide Musumeci, condurranno i telespettatori attraverso un carioca di immagini emozionanti.

Giusto per completezza di informazione vi allego il link del video parodia in risposta ai pre18esimi: https://youtu.be/m4EKvck7IRQ

 

Screenshot_2016-03-16-18-46-06

“Il prefunerale di Luigi Virgillito” un video esilarante prodotto da Ground’s Orange nel 2013, anno in cui esplose il boom dei video “Pre-ogni cosa”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi