Sabato 2 agosto, in occasione delle iniziative promosse dal Centrocontemporaneo, Antonio Recca ospiterà nel suo atelier una quindicina di opere inedite su carta di Enzo Rovella, per un incontro/dialogo tra due dei migliori artisti catanesi.

Recca e Rovella sono per altro uniti da una stima reciproca che verte sulle rispettive sensibilità, sul linguaggio affine, e sul simile atteggiamento in merito alla disciplina professionale.

Artisti isolani lontani da qualsivoglia tema stereotipato o provincialismo pittorico, ma, nello stesso tempo, legati alla loro identità ed alla terra in cui hanno deciso caparbiamente di vivere a dispetto delle difficili condizioni culturali in cui versa la Sicilia. Nelle varie ricerche che hanno segnato il loro percorso artistico, ambedue hanno attraversato l’astrazione, l’informale e anche una figurazione velata e assolutamente fra le righe che è possibile decifrare solo da chi è capace di addentrarsi in visioni di paesaggi interiori che prendono forma in onirici luoghi della memoria che si manifestano poi in appena riconoscibili stagioni, foreste, laghi, orizzonti, luci, bagliori. Universi personali che si trasferiscononelle opere con forza e coscienza, senza mediazioni di sorta.

Ammirando le loro opere si percepisce una visione, un afflato poetico più mittleuropeo che mediterraneo. Per questa specificità i loro dipinti sono fortemente apprezzati da collezionisti tedeschi e francesi.

 In questa occasione all’ingresso dell’atelier saranno in vendita libri d’arte, cataloghi di mostre e monografie a prezzi assolutamente “stracciati”.

 

Scrivi