Nell’Istituto medico psico pedagogico Lucia Mangano di sant’Agata Li Battiati i ragazzi mettono in svena la festa del rinnovo

 

S. AGATA LI BATTIATI – La disabilità vissuta non come elemento emarginante, ma come condizione di “diversità” che apporta ricchezza, che sa stupire, abbattendo barriere psicologiche e pregiudizi. Questa la scommessa vinta dal presidente dell’Istituto Medico Psicopedagogico Lucia Mangano di Sant’Agata Li Battiati Corrado Labisi che ha costituito una Compagnia Teatrale Stabile con attori speciali che, con la loro bravura, regalano emozioni uniche, ottenendo importanti riconoscimenti a carattere regionale, nazionale ed internazionale.

 IMG_2786

I ragazzi dell’Istituto hanno messo in scena la festa del rinnovo con la recita pasquale “La vita è un inno, cantalo”. «Uno sforzo per ballare a tempo, uno più intenso per ballare a tono. C’è chi con amore ci nutre, ci assiste, ci annaffia, ci sorregge. Quel che conta è sbocciare, sentirsi partecipi oggi del risveglio», si legge sul biglietto di auguri consegnato per l’occasione. Gli attori (Antonio Anastasi, Antonio Giardina,Mario Palvarini, Mario Virzì, Antonio D’Anna, Salvatore Fallica, Carmela Basile, Alessandro Cadiri, Cristina Franceschino, Gabriele Panebianco, Rita Santacroce, Giulio Gargano), supportati da uno staff di fisioterapisti, psicologi e animatori si sono esibiti in balletti, canzoni e poesie, regalando ai presenti momenti di forte coinvolgimento.

 IMG_2794

«Giornate come questa contribuiscono a far vivere la disabilità non in maniera statica bensì in continua evoluzione nelle sue relazioni con il mondo esterno. Un pensiero va a mia madre, la nobildonna Antonietta Labisi, fondatrice dell’Istituto nel 1956, e al suo motto «L’uomo vale per quel che sa rendere a favore dell’umanità sofferente», grazie alla quale ho compreso che il vero amore è quello che donano i diversamente abili al cui cospetto abbiamo tanto da imparare» ha concluso il presidente dell’Istituto Corrado Labisi.

 

 

 

Scrivi